le notizie che fanno testo, dal 2010

Parlamento europeo: ridurre dell'80% sacchetti di plastica entro il 2019

Il Parlamento europeo ha votato per rafforzare i progetti di norme comunitarie volte a ridurre l'uso dei sacchetti di plastica. Secondole indicazioni, gli Stati membri dell'UE dovranno dimezzare il consumo dei sacchetti di plastica entro il 2017 e ridurlo dell'80% entro il 2019.

Il Parlamento europeo ha oggi votato per rafforzare i progetti di norme comunitarie volte a ridurre l'uso dei sacchetti di plastica. Per i deputati europei, i sacchetti di plastica in materiale leggero, cioè con uno spessore inferiore a 50 micron (i più diffusi nell'UE) sono meno facilmente riutilizzabili e per questo gli Stati membri dovranno almeno dimezzarne il consumo entro il 2017 e ridurlo dell'80% entro il 2019. Il Parlamento europeo consiglia ai governi dell'UE, per raggiungere tale obiettivo, di utilizzare misure quali imposte, tasse, restrizioni o divieti di commercializzazione per evitare che i negozi forniscano gratis i sacchetti di plastica, fatta eccezione per quelli ultraleggeri, utilizzati per avvolgere alimenti sfusi come carne cruda, pesce e prodotti lattiero-caseari. Il Parlamento UE chiarisce però che i sacchetti di plastica utilizzati per avvolgere alimenti come frutta, verdura e dolciumi dovranno essere sostituiti entro il 2019 da sacchetti di carta riciclata o sacchetti biodegradabili e compostabili. Secondo i deputati, inoltre, i requisiti per l'imballaggio compostabile e biodegradabile dovrebbero essere modificati. Il provvedimento è stato votato in prima lettura al fine di garantire che il lavoro svolto nel corso di questo mandato possa essere ripreso dal nuovo Parlamento e utilizzato come base per ulteriori negoziati con gli Stati membri dell'UE.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: