le notizie che fanno testo, dal 2010

Pianeta X o Pianeta 9: nuova conferma esistenza Nibiru oltre Nettuno

Il gruppo di ricercatori spagnoli guidato da Carlos de la Fuente Marcos ribadisce che oltre Nettuno potrebbe orbitare il famoso Pianeta X, divenuto Pianeta 9 dopo il declassamento di Plutone. Lo studio è stato condotto sulle orbite di decine di oggetti transnettuniani estremi.

Una volta era conosciuto come Pianeta X, ma dopo il declassamento di Plutone l'individuazione di quello che potrebbe essere il Nibiru descritto da Zecharia Sitchin viene ormai indicata come la scoperta del nono pianeta del nostro sistema solare.
Nel 2014, gli astronomi Scott Sheppard and Chadwick Trujillo avevano rivelato che esisteva la possibilità che un enorme pianeta stava orbitando all'estremità del nostro sistema solare, sulla base di alcune peculiarità riscontrate nelle orbite dei planetoidi transnettuniani Sedna e 2012 VP113.
Nel 2016, gli astronomi Konstantin Batygin and Mike Brown confermarono le stranezze delle orbite di questi oggetti transnettuniani azzardando l'idea che questo Pianeta Nove è 10 volte più massiccio della Terra e si trova a circa 600 unità astronomiche (AU) dal Sole. Un AU è la distanza media tra Sole e Terra, pari a circa 150 millioni di chilometri.
Sheppard e Trujillo non hanno abbandonato le loro ricerche, scoprendo successivamente che anche le orbite di altri due oggetti transnettuniani sono influenzate da questo misterioso e gigantesco pianeta.

A credere nell'esistenza del Pianeta 9, inoltre, anche un team di astronomi spagnoli della Complutense University di Madrid che anno analizzato l'orbita di 28 oggetti transnettuniani estremi (ETNO) al di là della fascia di Kuiper, che si trovano a una distanza di oltre 150 AU e non attraversano mai l'orbita di Nettuno.
"Supponendo che gli ETNO siano dinamicamente simili alle comete che interagiscono con Giove, noi interpretiamo questi risultati come segni della presenza di un pianeta che interagisce attivamente con loro in un intervallo di distanze da 300 a 400 AU" spiega Carlos de la Fuente Marcos, autore principale dello studio pubblicato su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.
"Se non c'è niente che li perturbi, i nodi di questi oggetti transnettuniani estremi dovrebbero essere distribuiti in modo uniforme, perché non ci sarebbe niente da evitare" aggiunge il ricercatore, chiarendo: "Riteniamo che quel che abbiamo riscontrato non possa essere attribuito a un qualche tipo di errore osservazionale".
Già nel 2015 Carlos de la Fuente Marcos aveva annunciato la possibilità che due pianeti delle dimensioni della Terra (o superiori) possano trovarsi al di là di Plutone, sulla base di "un eccesso di oggetti" oltre Nettuno con "parametri orbitali inaspettati".

© riproduzione riservata | online: | update: 17/07/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Pianeta X o Pianeta 9: nuova conferma esistenza Nibiru oltre Nettuno
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI