le notizie che fanno testo, dal 2010

Russia: solida partnership tra Rosneft e ExxonMobil, nonostante sanzioni

Nonostante le sanzioni imposte per via del conflitto in Ucraina, che prevedono anche il divieto di esportare tecnologie e apparecchiature legate alla ricerca e produzione del petrolio, la texana ExxonMobil Corporation continuerà la partnership con Mosca e il gigante petrolifero russo Rosneft per iniziare una nuova perforazione nel Mare di Kara, porzione del mar Glaciare Artico.

L'Unione europea, tra le varie sanzioni imposte a causa del conflitto in Ucraina, ha vietato di esportare in Russia tecnologie e apparecchiature legate all'esplorazione delle acque profonde e alla ricerca e produzione del petrolio artico, nonché progetti shale-oil. Anche gli Stati Uniti hanno introdotto sanzioni che vietano futuri contratti inerenti la fornituria in Russia di tecnologie e attrezzature da utilizzare per lo sviluppo degli idrocarburi. Nonostante questo, però, la texana ExxonMobil Corporation continuerà la partnership con Mosca e il gigante petrolifero russo Rosneft, tanto che intornò alla metà di agosto inizieranno una nuova perforazione nel Mare di Kara, porzione del mar Glaciale Artico. Vladimir Putin si dice soddisfatto della solidità del rapporto tra le due compagnie petrolifere, aggiungendo: "Sono convinto che i progetti comuni di Rosneft e ExxonMobil beneficeranno alle economie di entrambe le nazioni e contribuiranno al rafforzamento della situazione energetica globale". Il nuovo progetto di esplorazione e perforazione comprende la realizzazione della piattaforma West Alfa, che dovrebbe essere costruita in base alle più recenti tecnologie per assicurare anche una maggiore protezione ambientale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: