le notizie che fanno testo, dal 2010

Diesel e benzina sempre più cara: a quando austerity?

Ancora brutte notizie per i consumatori, anche per quelli che in questi anni hanno scelto un'automobile diesel per risparmare sul carburante. Gasolio e benzina costano sempre di più e c'è già qualcuno che invoca un ritorno dell'austerity.

Ancora brutte notizie per i consumatori, anche per quelli che in questi anni hanno scelto un'automobile diesel per risparmare sul carburante.
In questo fine settimana, infatti, ci sono stati rincari sia per la benzina che per il gasolio.
La benzina sfiora infatti 1,42 euro al litro mentre il gasolio supera 1,3 euro al litro. Ma è proprio il rialzo del gasolio che fa notizia, visto che è la prima volta da oltre due anni, secondo le statistiche mensili dell'Unione petrolifera, che il diesel si porta a valori così alti.
Nel dettaglio a questa mattina i prezzi in media per la benzina si attestano tra 1,414 euro al litro per Esso e Q8 e 1,419 euro al litro per Erg, Shell, Tamoil e Total. Per il gasolio, invece, i listini vanno tra l'1,285 euro al litro nei distributori Shell e il massimo di 1,304 euro al litro in quelli Q8.
Quanto ai cluster Eni, in Campania, dove è in vigore l'addizionale regionale, la benzina tocca l'1,46 euro al litro. In Sicilia, invece, la benzina tocca i 1,445 euro al litro ma anche chi deve fare un pieno di gasolio vedrà piangere, più che in altre Regioni, il portafoglio, visto che i prezzi consigliati per il diesel toccano quota 1,324 euro al litro.
E c'è già qualcuno che invoca un ritorno dell'austerity quando a causa dello choc petrolifero, cioè un aumento repentino del prezzo del greggio nel 1973, il governo italiano impose tra le altre cose anche il divieto assoluto di circolazione dei mezzi privati, a partire da domenica 2 dicembre 1973.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# benzina# consumatori# Eni# euro# governo# Regioni# Sicilia# Total