le notizie che fanno testo, dal 2010

Benzina: aumento accise. FederPetroli: "rovina settore petrolifero"

Benzina sempre più cara per via delle accise. FederPetroli commenta la manovra "Salva Italia" di Mario Monti e la sua "equità" che, nel settore petrolifero, colpisce, appunto, "i Gestori degli Impianti, le stesse società petrolifere ed i consumatori".

Il governo Monti con il suo slogan "equità e rigore" non sembra porre le basi per una "crescita" che, in Italia, parte soprattutto dal costo del carburante. In un Paese "costruito" su gomma il prezzo della benzina è infatti non solo un metro della futura inflazione, ma anche la "conditio sine qua non" perché il Paese si muova. L'aumento delle accise quindi, non solo potrebbe preludere ad una crescita inflazionistica, come avvertono molti esperti, ma non piace sia alla "vittima predestinata" (cioè "l'utilizzatore finale) sia ai "petrolieri". FederPetroli Italia sintetizza l'aumento delle accise e i conseguenti passi da fare laconicamente: "Pagheremo la benzina allo stesso costo ma con minor prodotto. Allarme per la perdita di erogato. Tavolo di verifica con l'esecutivo o saremo costretti a rinegoziare i Contratti di Gestione". Chi infatti farà le spese di questo nuovo aumento delle accise saranno in primo luogo i "Gestori degli Impianti", avvisa FederPetroli, poiché "compreranno il prodotto allo stesso prezzo ma, di conseguenza, in quantità minore; non si tratta di richio ma di fattore certo su una minor vendita di prodotto alla pompa e lo stesso margine di guadagno fissato da Contratto". Se infatti FederPetroli "comprende il sacrificio richiesto dal Presidente del Consiglio Monti, al fine di scongiurare un ulteriore peggioramento sui mercati" è consapevole che "l'ulteriore aumento delle accise, provoca uno sconvolgimento sul mercato dei prodotti petroliferi". E non sembra neppure mancare una certa amara ironia, nella nota dell'organizzazione petrolifera, nei confronti del nuovo governo: "Questa volta sono stati colpiti i Gestori degli Impianti, le stesse società petrolifere ed i consumatori: se questo è il significato di 'Manovra equa', i punti ci sono tutti". Per questo motivo "FederPetroli Italia chiederà all'Esecutivo di intervenire e convocare, tempestivamente, le società petrolifere e tutte le parti interessate al fine di rivedere, entro brevisssimo tempo, le tassazioni di settore per trovare un 'ammortizzatore comune' che renda meno pesante la fiscalità e la vendita di prodotto sugli Impianti italiani o si arriverà a rinegoziare i Contratti con le società petrolifere".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: