le notizie che fanno testo, dal 2010

Legambiente: pesticidi in metà della frutta

Legambiente presenta i risultati di "Pesticidi nel piatto 2010" e la situazione sembra peggiorata. Il 50% della frutta risulta essere contaminata.

Presentati a Roma, in conferenza stampa, i risultati del rapporto annuale di Legambiente "Pesticidi nel piatto 2010". Quest'anno la situazione sembra peggiorata tanto che soltanto il 50% della frutta risulta essere incontaminata e sono aumentati i prodotti contaminati da uno o più residui di pesticidi (da 27,5% a 32,7%), nonostante le indicazioni date agli agricoltori al fine di ridurre l'uso di sostanze chimiche nelle coltivazioni. Addirittura, a distanza di 32 anni dalla messa al bando del DDT, in un campione di insalata analizzato in Friuli sono state trovate tracce del pesticida. Francesco Ferrante, responsabile Agricoltura di Legambiente e senatore del PD, ha dichiarato: "La strada da percorrere per raggiungere un uso sostenibile dei fitofarmaci è ancora molto lunga. Permane infatti il problema del cosiddetto multi residuo, cioè l'effetto sinergico dovuto alla presenza contemporanea di differenti principi attivi sul medesimo prodotto, e quello della rintracciabilità di pesticidi revocati oltre il termine fissato per lo smaltimento delle scorte. Non esiste un riferimento specifico nella normativa che stabilisca per i laboratori un termine temporale oltre il quale tracce, anche al di sotto del limite consentito di pesticidi revocati, come il DDT, siano da indicare come irregolari".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: