le notizie che fanno testo, dal 2010

Peste nera, topi non c'entrano: epidemia 1347 fu trasmessa dagli uomini

Uno studio ha dimostrato che l'epidemia di peste nera che ha causato 25 milioni di morti in Europa non fu trasmessa dai topi ma dagli uomini, per mezzo principlamente dei pidocchi.

Non sono stati i topi a diffondere la peste nera che ha mietuto 25 milioni di vittime in Europa tra il 1347 ed il 1351 ma gli uomini. A sostenerlo uno studio condotto dall'università di Oslo in collaborazione con quella di Ferrara pubblicata il 15 gennaio su PNAS, nel quale si sottolinea come sia molto più probabile che a causare la devastante trasmissione del batterio, che ha ridotto di oltre un terzo la popolazione del vecchio continente, siano stati pidocchi e pulci. La ricerca ha evidenziato infatti che la peste nera si diffuse così velocemente da non poter essere provocata dai ratti.
Dopo aver elaborato diversi modelli (trasmissione da ratti, per via aerea e da pidocchi), i ricercatori hanno scoperto che in sette casi su nove è risultato che "il modello dei parassiti umani" rifletteva meglio la maniera in cui la peste si è moltiplicata e ha fatto vittime.
"La conclusione è molto chiara. Sono stati i pidocchi umani. E' improbabile che la peste si sarebbe diffusa così rapidamente se fosse stata trasmessa dai ratti. L'ipotesi più verosimile è la trasmissione umana, da persona a persona" chiarisce quindi il professor Nils Stenseth dell'università di Oslo alla BBC.

© riproduzione riservata | online: | update: 17/01/2018

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Peste nera, topi non c'entrano: epidemia 1347 fu trasmessa dagli uomini
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI