le notizie che fanno testo, dal 2010

Pensioni, Simonetti (Lega Nord): Boeri proroghi "opzione donna"

"Riteniamo che si tratti di un'opzione che deve essere garantita, che tutela le donne, il loro diritto a vedersi riconoscere uno specifico e peculiare ruolo sociale e familiare, il loro diritto di scelta", spiega in una nota l'esponente leghista Roberto Simonetti che chiede al presidente dell'Inps Tito Boeri di prorogare di tre anni l'opzione donna, e quindi poter le lavoratrici di andare in pensione con 57 o 58 anni di età e 35 di contributi.

"Riteniamo che si tratti di un'opzione che deve essere garantita, che tutela le donne, il loro diritto a vedersi riconoscere uno specifico e peculiare ruolo sociale e familiare, il loro diritto di scelta. La nostra mobilitazione congiunta in aula supera gli steccati di partito nel nome della tutela di un diritto che riteniamo sacrosanto e che fino ad oggi è stato minato anche da alcune interpretazioni in senso restrittivo della norma da parte dell'Inps" spiega Roberto Simonetti, deputato della Lega Nord, che ieri sera ha partecipato alla forma di protesta condivisa dall'intera Commissione Lavoro con l'obiettivo di prorogare di tre anni la possibilità per le lavoratrici (introdotta in via sperimentale dalla riforma pensioni Maroni) di andare in pensione con 57 anni di età e 35 di contributi, 58 se lavoratrici autonome. Le circolari Inps numero 35 e 37 del marzo 2012 hanno invece cambiato tale possibilità, e la sperimentazione potrà essere applicata solo a chi va in pensione entro il 2015. "Con la nostra iniziativa chiediamo al presidente Tito Boeri - conclude l'esponente leghista - di modificare quelle circolari, con l'obiettivo di garantire piena e totale libertà di scelta e la salvaguardia delle lavoratrici".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: