le notizie che fanno testo, dal 2010

Pensioni, Def 2016: si tocca la reversibilità. Togliere ogni riferimento, dice Damiano (PD)

"Abbiamo segnalato un errore contenuto nel testo del Def che chiediamo di correggere: il riferimento anche alla previdenza per quanto riguarda la razionalizzazione degli strumenti a tutela della povertà", spiega in un comunicato Cesare Damiano, parlamentare PD.

"Stiamo esaminando il testo del Documento di economia e finanza. Sulla parte dedicata alla previdenza abbiamo fatto prime osservazioni: è positivo che il governo voglia affrontare il tema della flessibilità delle pensioni e riteniamo che questa scelta sia anche il frutto della nostra battaglia condotta in Commissione Lavoro per anticipare l'uscita volontaria dall'attività fino ad un massimo di 4 anni" spiega in una nota Cesare Damiano.
"In secondo luogo - prosegue il deputato PD - abbiamo segnalato un errore contenuto nel testo del Def che chiediamo di correggere: il riferimento anche alla previdenza per quanto riguarda la razionalizzazione degli strumenti a tutela della povertà. Un argomento che riteniamo ormai superato perché tirerebbe nuovamente in ballo la questione della reversibilità. Lo vogliamo considerare una svista".
"Infine - conclude il parlamentare -, vorremmo che nel documento fosse più chiaro il fatto che il sistema previdenziale, dopo le riforme del 1995, del 2007 e del 2011, è ormai sostenibile e che il costo della sua incidenza sul PIL va corretto e depurato dai trasferimenti per l'assistenza e dalle tasse che si pagano ogni anno sulle pensioni, queste ultime hanno inciso per 43 miliardi di euro nel 2014. Con questo ricalcolo la percentuale di incidenza sul PIL scenderebbe dal 15 al 12%, perfettamente il linea con gli altri Paesi europei."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: