le notizie che fanno testo, dal 2010

Giornata mondiale contro la pena di morte, Mogherini: serve moratoria universale esecuzioni

In occasione della "Giornata mondiale contro la pena di morte", che ricorre oggi 10 ottobre 2014, il ministro degli Esteri Federica Mogherini assicura che l'Italia rinnova il suo impegno nella battaglia per una moratoria universale delle esecuzioni. In tanti, sperano che ci sia lo stesso impegno anche per l'approvazione di una legge, in Italia, contro la tortura.

In occasione della "Giornata mondiale contro la pena di morte", che ricorre oggi 10 ottobre 2014, il ministro degli Esteri Federica Mogherini assicura che l'Italia rinnova il suo impegno nella battaglia per una moratoria universale delle esecuzioni. "La difesa dei diritti umani è per l'Italia un principio inderogabile. Intendiamo continuare a batterci intanto per una moratoria delle esecuzioni e in prospettiva per l'abolizione della pena di morte in tutto il mondo" dichiara la Mogherini, ricordando: "Del resto l'Italia su questo è stata sempre in prima fila. - ed elenca - Nel 2007 abbiamo dato impulso alle iniziative che portarono all'adozione della prima risoluzione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla moratoria della pena capitale. L'anno seguente e nel 2010 con un gruppo di altri Paesi abbiamo promosso, sempre come Italia, altre due risoluzioni approvate all'ONU". Federica Mogherini, nominato anche Alto rappresentante UE per la Politica Estera, sottolinea quindi che "anche quest'anno l'Italia rinnova il proprio impegno presentando di nuovo in Assemblea Generale dell'ONU, insieme ad altri Paesi, una risoluzione per la moratoria universale delle esecuzioni capitali", e conclude che è necessario "estendere e consolidare il fronte dei Paesi che appoggiano la risoluzione e su questo è indispensabile un lavoro comune con la società civile". In occasione "Giornata mondiale contro la pena di morte" c'è anche chi auspica che l'Italia porti avanti con lo stesso impegno la battaglia per introdurre finalmente anche nel nostro Paese una legge contro la tortura. Un disegno di legge che introduce il delitto di tortura nell'ordinamento italiano è stato approvato a marzo al Senato, ma rimane ancora da calendarizzare il passaggio alla Camera.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: