le notizie che fanno testo, dal 2010

Patente a 17 anni: dal 22 aprile 2012 le nuove regole in Italia

Dal 22 aprile 2012 ci si potà mettere al volante di un'auto anche a 17 anni, ma solo con un accompagnatore, per poter prendere la patente B appena compiuti i 18 anni. Tutte le regole della "guida accompagnata".

La patente B verrà rilasciata sempre allo scoccare dei 18 anni, ma già a 17 anni ci si potrà mettere alla guida di una automobile, in base alle nuove regole della "guida accompagnata" che entreranno in vigore dal 22 aprile 2012.
In poche parole, chi ha 17 anni e possiede la patente A1 (quella valida per condurre motocicli di cilindrata fino a 125 cm3 e di potenza massima fino a 11 kw oppure quadricicli con massa non superiore ai 550 kg e di cilindrata oltre 50 cm3) potrà rivolgersi alla Motorizzazione (la richiesta dovrà essere presentata dal genitore) che rilascerà una ricevuta da presentare all'autoscuola. Il costo della pratica è di circa di 40 euro (attestazione di versamento di euro 29,24 su c/c 4028; attestazione di versamento di euro 9,00 su c/c 9001).
In autoscuola bisognerà obbligatoriamente seguire 10 ore di guida con un istruttore. Di queste 10 ore, almeno 4 ore dovranno svolgersi in in autostrada e su strade extraurbane, mentre 2 ore in notturna, o al calar del sole.
Una volta terminate queste 10 ore di guida in autoscuola, questa rilascia un attestato di frequenza (senza esame) che dovrà essere consegnato alla Motorizzazione che rilascerà al 17enne l'autorizzazione a guidare l'automobile su strada, ma sempre accompagnati da un adulto.
Il senzo di "guida accompagnata", infatti, risiede proprio in questo. Fino al compimento del 18esimo anno di età, quando scadrà l'autorizzazione rilasciata dalla Motorizzazione e dovrà essere chiesto il normale foglio rosa, l'ancora non patentato potrà guidare l'automobile solo se accompagnato da un tutor (il genitore può designare al massimo tre accompagnatori), con almeno 10 anni di esperienza, e cioè avere la patente da almeno un decennio (5 anni se rilasciata in altri Stati europei o negli Stati Uniti).
Ulteriore limitazione per l'accompagnatore risiede nel fatto che non potrà avere una età superiore ai 60 anni, e non dovrà aver subito provvedimenti di sospensione della patente negli ultimi 5 anni. Inoltre, il Ministero dei Trasporti ha disposto precise limitazioni anche per l'autoveicolo che è possibile condurre con questa autorizzazione di "guida accompagnata": la massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 t, niente rimorchio, e inoltre, come per i neopatentati, potenza specifica, riferita alla tara, non superiore a 55 kw per tonnellata e potenza massima pari a 70 kw.
Il 17enne potrà quindi guidare l'automobile solo se accompagnato dal proprio tutor, che appunto ha il compito di insegnare al ragazzo tutte le regole della strada in vista del successivo esame per la patente B che conseguirà al compimento dei 18 anni. Nell'automobile non potranno viaggiare terze persone.
Quando alla guida c'è il 17enne con l'accompagnatore, sull'autoveicolo si dovrà obbligatoriamente affiggere, nella parte anteriore e posteriore, un contrassegno recante le lettere alfabetiche maiuscole "GA" (cioè guida accompagnata), di colore nero su fondo giallo retroriflettente. Tale contrassegno dovrà essere applicato in posizione verticale o subverticale in modo ben visibile e tale da non ostacolare la necessaria visibilità dal posto di guida e da quello occupato dall'accompagnatore. Sul sito del Ministero dei Trasporti i modelli e le dimensioni del contrassegno "GA" (http://www.mit.gov.it/mit/mop_all.php?p_id=11450).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# euro# Ministero dei Trasporti# patente# vista