le notizie che fanno testo, dal 2010

World League 2014: seconda sconfitta in Polonia. Due gare per migliorare

Seconda sconfitta consecutiva per gli azzurri di Berruto in questi World League 2014. L'Italia è stata battura ancora dalla Polonia per 3-1, a causa di "troppi alti e bassi" che hanno penalizzato il gioco degli azzurri, come sottolinea Giovi. Baranowicz ricorda che l'Italia ha quindi "a disposizione altre due gare per migliorare in certe situazioni".

Seconda sconfitta consecutiva per gli azzurri di Berruto in questi World League 2014, che hanno finito per cedere alla Polonia all’Atlas Arena con il punteggio di 3-1 (25-22, 25-23, 23-25, 25-15). Il match è iniziato con la stessa formazione di venerdì per l’Italia scesa in campo con la diagonale Baranowicz-Vettori, Lanza e Randazzo schiacciatori, Buti e Piano centrali, Giovi libero. Nel primo set, i polacchi hanno mantenuto costantemente il vantaggio chiudendo sul 25-22, nonostante il ct ha tentato un cambio di passo inserendo Sabbi e Corvetta al posto di Baranowicz e Vettori e Maruotti al posto di Randazzo. Nel secondo parziale gli azzurri della pallavolo hanno affrontato con più determinazione gli avversari ma due errori in sequenza di Buti e Vettori hanno consentito agli uomini di Antiga di accumulare quel vantaggio (23-20) che alla fine ha fatto terminare il set 25-23 per la Polonia. Il terzo set è invece andato agli uomini di Berruto (25-23) ma nel quarto set i padroni di casa hanno chiuso definitivamente la partita con un 25-15. "Troppi alti e bassi che alla fine ci hanno penalizzato" ammette Giovi mentre Baranowicz sottolinea: "Credo che ci manchi un po’ di amalgama. Ora abbiamo a disposizione altre due gare per migliorare in certe situazioni di gioco".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Buti# pallavolo# Polonia# Randazzo# World League