le notizie che fanno testo, dal 2010

Omicidio via della Magliana: confessa ex fidanzato 27enne. Sara bruciata viva

E' stato arrestato l'assassino di Sara Di Pietrantonio, la studentessa di 22 anni trovata all'alba del 29 maggio morta, semicarbonizata in via della Magliana a Roma nei pressi di un'auto in fiamme. Si tratta del suo ex fidanzato Vincenzo Paduano, 27 anni, che ha "bruciato viva" la povera Sara Di Pietrantonio.

E' stato fermato, interrogato ed arrestato l'assassino di Sara Di Pietrantonio, la studentessa di 22 anni trovata all'alba del 29 maggio morta, semicarbonizata in via della Magliana a Roma nei pressi di un'auto in fiamme, quella della madre della giovane. La 22enne è stata strangolata e poi "bruciata viva" come precisano gli inquirenti, ma "prima di essere raggiunta dal suo assassino ha provato a chiedere aiuto agli automobilisti, ma nessuno si è fermato. Se qualcuno si fosse fermato Sara Di Pietrantonio sarebbe ancora viva" rivela il sostituto procuratore di Roma, Maria Monteleone.

Gli automobilisti sono stati rintracciati dalla polizia ma hanno sostenuto di non aver capito che la ragazza stava chiedendo aiuto. Il capo della squadra mobile di Roma Luigi Silipo però commenta: "Ci vuole coraggio da parte dei cittadini, da parte di chi passa e vede qualcuno in difficoltà, una telefonata al 113 è gratis: se si vedono cose strane è dovere chiamare forze ordine".

Anche a causa di questa indifferenza Sara Di Pietrantonio è stata quindi infine raggiunta dal suo ex fidanzato Vincenzo Paduano, un 27enne che lavora come guardia giurata. Dopo ore di interrogatorio e aver provato a negare "anche i dati certi" il ragazzo infine ha confessato l'omicidio, volontario e premeditato. Stando alle ricostruzioni degli inquirenti, il ragazza ha dapprima incendiato l'auto della ragazza, cospargendola di alcol, e poi ha dato fuoco con la stessa tecnica anche alla povera Sara Di Pietrantonio.

I due hanno intrattenuto una relazione per circa due anni, ma si erano lasciati più di una volta. Sembra che Sara Di Pietrantonio ultimamente stesse frequentanto un altro ragazzo ed il 27enne avrebbe cominciato a seguirla. "Sicuramente in due occasioni - precisa il capo della mobile - e l'ultima è stata fatale. Abbiamo subito compreso che usciva da una storia malata. Se è vero che non è stata mai malmenata è altrettanto vero che nell'ultimo periodo ha subito una violenza psicologica enorme da questo amore malato". Dalle indagini è emerso anche che Vincenzo Paduano dopo l'omicidio è tornato al lavoro.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: