le notizie che fanno testo, dal 2010

Omicidio Noemi Durini, il fidanzato: lei voleva uccidere la mia famiglia

Il fidanzato 17enne di Noemi Durini afferma di aver ucciso la 16enne con il coltello che la ragazza aveva portato con sé perché, sostiene durante l'interrogatorio, "voleva uccidere la mia famiglia".

"L'ho ammazzata perché premeva per mettere in atto l'uccisione di tutta la mia famiglia" sostiene il 17enne che ha confessato l'omicidio di Noemi Durini, la 16enne scomparsa da Specchia il 3 settembre scorso.
Durante l'interrogatorio il ragazzo, descritto come un violento e con problemi psichici, afferma infatti di aver ucciso Noemi Durini con "il coltello che aveva con sé quando è uscita dalla sua abitazione. - aggiungendo - Ho reagito di fronte all'ostinazione di Noemi a voler portare a termine il progetto dello sterminio della mia famiglia".
Il ragazzo prosegue spiegando. "Dopo lo sterminio della mia famiglia volevamo fuggire a Milano. - perché - Ero innamoratissimo di lei".
Le dichiarazioni del 17enne sono ancora tutte da valutare. Quando uscito dalla caserma dei carabinieri dopo il lungo interrogatorio notturno, il ragazzo ha comunque mostrato una certa arroganza sorridendo e salutando con la mano lo folla che si era radunata, che ha inveito contro il giovane.
Indagato per sequestro di persona e occultamento di cadavere è stato notificato anche il papà del 17enne.

© riproduzione riservata | online: | update: 14/09/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Omicidio Noemi Durini, il fidanzato: lei voleva uccidere la mia famiglia
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI