le notizie che fanno testo, dal 2010

Omicidio Canicattini Bagni: 6 coltellate e poi gettata nel pozzo

Paolo Cugno, 26enne bracciante agricolo, ha confessato l'omicidio di Laura Petrolito, la giovane mamma di 20enne ritrovata in un pozzo nelle campagne di Canicattini Bagni. L'uomo le aveva inferto almeno 6 coltellate.

Ha confessato dopo un lungo interrogatorio Paolo Cugno, 26enne bracciante agricolo. L'uomo ha infatti ammesso l'omicidio della compagna Laura Petrolito, la 20enne trovata morta ieri in un pozzo nelle campagne di Canicattini Bagni, in provincia di Siracusa. Sul corpo della donna, mamma di due bambini (uno di 8 mesi figlio dell'assassino), diverse ferite da arma da taglio.

Paolo Cugno era stato fermato immediatamente subito dopo la scomparsa di Laura Petrolito, ed è crollato dopo alcune ore di domande da parte degli inquirenti. Era stato il padre della giovane a lanciare l'allarme non vedendola rientrare a casa e non riuscendo a mettersi in contatto con lei perché il suo cellulare era sempre spento. Laura Petrolito era stata abbandonata dalla madre quando aveva appena 3 anni, cresciuta dal padre con l'aiuto degli assistenti sociali del Comune.

Il 26enne durante la confessione ha indicato dove ha gettato il coltello e il luogo dove ha occultato il cadavere, appunto un pozzo artesiano sulle colline che sovrastano la città siciliana.

Secondo il medico legale Francesco Coco, che ha eseguito i primi rilevamenti autoptici, Paolo Cugno avrebbe inferto alla compagna "almeno 6 coltellate", al collo e al petto. L'uomo ha poi cercato di spingere il corpo della giovane mamma in fondo al pozzo, senza riuscirci completamente.

© riproduzione riservata | online: | update: 19/03/2018

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Omicidio Canicattini Bagni: 6 coltellate e poi gettata nel pozzo
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI