le notizie che fanno testo, dal 2010

Guerrina Piscaglia scomparsa: arrestato padre Graziano con accusa di omicidio

Padre Graziano è stato arrestato a Roma alla vigilia della scadenza dei termini del divieto di espatrio perché sospettato di aver ucciso Guerrina Piscaglia, la donna scomparsa il primo maggio 2014 dalla sua casa di Ca' Raffaello, nel comune di Badia Tedalda (Arezzo). Cambia il capo d'imputazione per padre Graziano, al secolo Gratien Alabi: da favoreggiamento ad omicidio volontario e distruzione di cadavere.

Alla vigilia della scadenza dei termini del divieto di espatrio, il parroco don Graziano è stato arrestato con l'accusa di omicidio. Padre Graziano è sospettato infatti di aver ucciso Guerrina Piscaglia, la donna scomparsa il primo maggio 2014 dalla sua casa di Ca' Raffaello, nel comune di Badia Tedalda (Arezzo). Per padre Graziano, al secolo Gratien Alabi, parroco originario della Repubblica del Congo, cambia quindi il capo di imputazione. Inizialmente padre Graziano infatti, a seguito della scomparsa di Guerrina Piscaglia, era stato solo accusato di favoreggiamento, mentre da oggi il sacerdote dovrà rispondere di omicidio volontario e distruzione di cadavere. E' dalla scorsa estate che il parroco congolese non svolgeva più funzioni pastorali nella diocesi di Arezzo. L'arresto di padre Graziano, infatti, è avvenuto Roma, dove dimorava da circa due mesi accolto in un convento della capitale. Ed eseguire l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Arezzo sono stati i Carabinieri del comando provinciale di Arezzo. La decisione della Procura di arrestare padre Graziano sarebbe giustificata da un quadro probatorio grave, stando a quanto emerge da dalle "complessive risultanze dell'attività investigativa".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: