le notizie che fanno testo, dal 2010

Collefiorito: dopo litigio via SMS spara a imprenditore, arrestato

"I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Montesacro, a conclusione di un'articolata attività d'indagine hanno arrestato un meccanico di 41 anni, residente nel Comune di Guidonia Montecelio, ritenuto responsabile del tentato omicidio, avvenuto la notte tra il 15 e 16 febbraio, di un imprenditore residente nel piccolo comune laziale", rivela in un comunicato l'Arma.

"Alle prime luci dell'alba i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Montesacro, a conclusione di un'articolata attività d'indagine hanno arrestato un meccanico di 41 anni, residente nel Comune di Guidonia Montecelio, ritenuto responsabile del tentato omicidio, avvenuto la notte tra il 15 e 16 febbraio, di Luigi Ciprielli, un imprenditore residente nel piccolo comune laziale" viene segnalato in una nota dell'Arma.
I Carabinieri espongono dunque: "I militari hanno dato esecuzione ad un'ordinanza applicativa di custodia cautelare in carcere, al termine delle indagini sviluppatasi nell'arco temporale febbraio-marzo 2016. In particolare, i militari dell'Arma alle prime luci dell'alba del 16 febbraio venivano inviati dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale di Roma presso il Pronto Soccorso dell'ospedale Sandro Pertini ove, poco prima, era giunto il Ciprelli con una ferita d'arma da fuoco all'avambraccio sinistro. Sin dai primi contatti la vittima assumeva un atteggiamento assolutamente non collaborativo."
Dalla Benemerita osservano quindi: "A seguito di un'attenta analisi dei tabulati telefonici nonché delle immagini di videosorveglianza di un'ampia area di interesse, si sono riusciti a ricostruire tutti i movimenti della vittima nelle ore antecedenti al ferimento, identificando chi lo aveva accompagnato in ospedale, il luogo ove era avvenuto l'agguato, ossia Guidonia Montecelio, località Collefiorito, e soprattutto l'autore dello stesso."
"In tal modo è stato possibile ricostruire il diabolico piano attuato dall'arrestato, con il quale la vittima, a cui era legato da un vecchio rapporto di conoscenza deterioratosi negli ultimi tempi per motivi strettamente personali, nelle ore precedenti all'evento, aveva avuto un'animosa lite via 'sms' per futili motivi. Dopo aver esasperato il Ciprelli con un crescendo di insulti e minacce via 'sms', lo induceva a recarsi sotto la propria abitazione ove gli sparava un colpo d'arma da fuoco in direzione del torace che veniva fortunatamente deviato dall'avambraccio sinistro. L'arrestato è stato tradotto presso il carcere di Rebibbia a disposizione dell'autorità giudiziaria" rendono noto infine i militi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: