le notizie che fanno testo, dal 2010

Ciro Esposito, perizia: prima degli spari, De Santis fu aggredito e ferito

Cambia la dinamica di quanto arebbe avvenuto prima della finale di Coppa Italia all'Olimpico di Roma. Secondo la perizia balistica svolta dal Racis, il tifoso giallorosso Daniele De Santis prima di esplodere probabilmente i quattro colpi ferendo i tifosi napoletani, tra cui a morte Ciro Esposito, sarebbe stato "aggredito" e "ferito" forse con un "coltello a serramanico da parte di uno dei tifosi partenopei".

"Si ritiene che De Santis, sopraffatto dagli aggressori, ferito e sanguinante, con le mani sporche del suo stesso sangue abbia impugnato l'arma ed abbia esploso i quattro colpi ferendo i tifosi napoletani" si leggerebbe nella perizia balistica svolta dal Racis sulla sparatoria avvenuta il 3 maggio scorso in occasione della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli che si è svolta all'Olimpico di Roma, a seguito della quale è morto Ciro Esposito. La perizia sarà esaminata il 24 settembre prossimo davanti al gip. Nelle 600 pagine di perizia, i periti scriverebbero inoltre che il tifoso giallorosso Daniele De Santis sarebbe stato raggiunto da un gruppo di supporter partenopei dopo aver tentato di chiudere il cancello del vialetto che porta al circolo culturale Ciak dove si trova la sua abitazione. Secondo quanto emerso dall'indagine tecnica, De Santis quindi "cade a terra e viene aggredito. - ricostruiscono i periti - Comincia a perdere abbondante sangue e in seguito a questa circostanza non si esclude che per ferirlo sia stato utilizzato il coltello a serramanico da parte di uno dei tifosi partenopei. Dopo questo avvengono gli spari in successione rapida". Gli avvocati Tommaso Politi e Michele D'Urso, difensori di Daniele De Santis, a questo punto chiariscono: "Ora appare doveroso che le indagini della Procura siano volte a chiarire la dinamica di quello che a tutti gli effetti appare un tentativo di omicidio nei confronti del nostro assistito. - sottolineando - Le conclusioni della perizia vanno in direzione opposta a quanto inizialmente diffuso dai media. La dinamica dei fatti che è stata ricostruita risulta infatti essere palesemente incompatibile con le tesi dell'agguato, soprattutto laddove si evidenzia che De Santis ha subito una brutale aggressione già prima degli spari riportando tra l'altro diverse coltellate all'addome".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: