le notizie che fanno testo, dal 2010

Vasto: figlio tossicodipendente uccide genitori. Arrestato dopo fuga

Uccisi accoltellati una coppia di coniugi a Vasto, in provincia di Chieti (Abruzzo). Accusato e arrestato il figlio 37enne, disoccupato e pare con problemi di tossicodipendenza, che forse ha ucciso in preda ad un raptus omicida.

Nella serata di sabato, a Vasto, in provincia di Chieti (Abruzzo), marito e moglie sono stati uccisi a colpi di coltello. Ad assassinare Emidio Del Vecchio (79 anni) e Adele Tumini (76 anni), che abitavano a Vasto, il figlio di 37 anni, senza lavoro e a quanto pare con problemi di tossicodipendenza. A far scattare l'allarme la sorella dell'assassino, che ha allertato i carabinieri poiché non riusciva a mettersi in contattato con i genitori. I militari, entrati nell'abitazione, hanno scoperto così i corpi senza vita dei due coniugi, in una pozza di sangue. Stando ai primi accertamenti del medico legale, sembra che l'omicidio sia stato perpetrato a seguito di un raptus. I carabinieri hanno immediatamente cominciato la caccia al figlio che si era reso non rintracciabile, trovandolo stamattina sul lungomare di Vasto. L'uomo avrebbe opposto resistenza ai militari, ferendone tre, ma alla fine è stato arrestato. Pare che con sé aveva ancora l'arma del delitto. Il 37enne accusato dell'omicidio dei genitori, davanti al pm dove è stato condotto per un interrogatorio, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: