le notizie che fanno testo, dal 2010

Tolosa: killer colpisce ogni 4 giorni? Il 23 marzo a rischio

Il killer di Tolosa, che ha ucciso in una scuola ebraica 3 bambini e un insegnate, potrebbe colpire di nuovo il prossimo 23 marzo. Sembra infatti che l'assassino uccida ogni 4 giorni.

L'uomo che ha ucciso "a bruciapelo", come sottolineano gli inquirenti, 3 bambini e un insegnate nella scuola ebraica di Tolosa (http://is.gd/GWd9p2) aveva presumibilmente una telecamera appesa al collo. E' questo un nuovo particolare che emerge dalle indagini, anche se il procuratore capo di Parigi, Francois Molins, precisa che per adesso è ancora "una ipotesi". Come è una ipotesi, ma su cui pare stiano riflettendo le autorità che indagano sulla strage, il fatto che il killer possa colpire il 23 marzo prossimo. L'uomo che con uno scooter ha sparato contro dei bambini e un insegnate sembra infatti che possa essere lo stesso assassino di tre parà francesi (un quarto è rimasto gravemente ferito alla spina dorsale) di origine nordafricana uccisi a a Tolosa e Montauban.
Gli omicidi sono stati compiuti l'11 e il 15 marzo, mentre l'attentato alla scuola ebraica il 19, quindi ad intervalli di 4 giorni. Per questo la squadra investigativa sembra ritenere possibile che il killer, evidentemente seriale, possa tornare a colpire proprio il 23 marzo. Se questa deduzione rimane però ancora nel capo delle ipotesi, gli inquirenti sembrano quasi del tutto certi che comunque il killer di Tolosa "colpirà di nuovo". Anche per questo, e non solo per rendere giustizia alle povere vittime, tra cui tre bambini innocenti, ben 130 ufficiali della polizia giudiziaria ed esperti di profili psicologici stanno cercando di individuare elementi del carattere dell'assassino e del suo modus operandi, affinché venga delineata una pista utile per poter individuare, e catturare, "il mostro", come lo ha definito il presidente francese Nicolas Sarkozy.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: