le notizie che fanno testo, dal 2010

Sovico: 18enne muore colpito alla carotide. Fermato l'amico 17enne

Un ragazzo di 18 anni è stato colpito alla gola con un pezzo di bottglia di vetro da un suo amico, coetaneo, equadoriano, che è stato fermato. All'origine del folle gesto, che ha causato la morte del ragazzo, dei futili motivi.

La cronaca sembra riempirsi ogni giorno che passa sempre più di "nera", con aggressioni e omicidi spesso scoppiati a causa di "futili motivi", come quello che è avvenuto a Sovico, in provincia di Monza e Brianza, dove un 17enne equadoriano ha improvvisamente reciso con un collo di bottiglia di vetro la carotide di un suo amico, l'appena 18enne Lorenzo C., uccidendolo. Stando alle prime ricostruzioni, Lorenzo si trovava con altri amici in piazza Arturo Riva, al centro del paese, passando il tempo tra una chiaccherata e una partita a carte. Al gruppo di ragazzi si è poi avvicinato anche il ragazzino sudamericano, che già conosceva Lorenzo e gli altri, e si è messo a giocare anche loro. Poi all'improvviso l'impensabile. Una semplice frase detta da Lorenzo sembra aver scatenato la furia omicida dell'equadoriano, che con un coccio di vetro ha colpito alla gola Lorenzo. Un solo colpo, ma molto profondo da quanto si apprende, è bastato a spezzare la giovane vita di un ragazzo, uscito di casa un paio d'ore prima ignaro del suo destino e della violenza che ormai sembra nascondersi anche dietro il volto di un amico. La polizia ha rintracciato nel giro di poche d'ore il 17enne equadoriano, pare crollato durante l'interrogatorio. Gli inquirenti sembrano già abbastanza convinti, avendo anche sentito diversi testimoni, che il minorenne sarebbe l'unico responsabile. Il sindaco di Sovico annuncia che proclamerà un lutto cittadino, e il paese si stringe attorno ai genitori di Lorenzo, che vogliono "capire cosa è successo". E forse anche comprendere il perché di tanta rabbia.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# aggressioni# genitori# Monza# omicidi# Sovico# violenza