le notizie che fanno testo, dal 2010

Morto il carabiniere aggredito dopo rave party in zona Grosseto

E' purtroppo morto, senza essere mai uscito dal coma, il carabiniere aggredito un anno fa da 4 ragazzi, di cui 3 minorenni, fermati ad un posto di blocco dopo un rave party, nella zona di Sorano, in provincia di Grosseto.

E' purtroppo morto l'11 maggio, dopo essere rimasto in coma per circa un anno, il carabiniere aggredito da dei ragazzi di ritorno da un rave party a cui era stato chiesto di fermarsi ad un posto di blocco (http://is.gd/mXgsH8).
"Aveva la testa, tra collo e nuca, aperta da una ferita, quasi sicuramente fatta con una bastonata - ricorda il carabiniere arrivato sul posto dopo l'aggressione - I sanitari del 118 provavano a far parlare l'altro carabiniere, ma era stordito e aveva il volto totalmente tumefatto, non ci riusciva". Rimasto gravemente ferito, infatti, il secondo carabiniere di pattuglia, che a seguito del pestaggio da parte dei ragazzi ha perso un occhio.
Gli aggressori dei due carabinieri sono 4 ragazzi, di cui 3 minorenni all'epoca dei fatti, che ad un posto di blocco, avvenuto nel Sorano, in provincia di Grosseto, "hanno perso la testa", come spiega uno degli imputati dopo l'arresto. Presumbilmente con un bastone o qualcosa di simile, infatti, i giovanissimi hanno picchiato i due carabinieri che volevano effettuare sui ragazzi un alcol test, e subito dopo l'aggressione sono fuggiti, rubando però prima il verbale che i due carabinieri stavano compilando. La fuga dei quattro ragazzi è durata però poco, perché immediatamente rintracciati, e per loro adesso cambia capo d'imputazione: da tentato omicidio ad omicidio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: