le notizie che fanno testo, dal 2010

Luka Rocco Magnotta arrestato a Berlino: tutte le tappe della fuga

Luka Rocco Magnotta, il killer sadico di Montreal, è stato arrestato a Berlino. Dopo aver trascorso qualche giorno in Francia , dopo essere fuggito dal Canada, è stato ammanettato in un internet cafè nel sud della capitale tedesca.

Luka Rocco Magnotta è stato arrestato a Berlino.
Il killer sadico di Montreal, come era stato ribattezzato, è accusato di aver ucciso, smembrato e cannibalizzato il 25 maggio scorso, in Canada, uno studente cinese di 33 anni, Lin Jun , che frequentava la Concordia University e forse aveva avuto una relazione con il modello ed attore porno per film gay ricercato da qualche giorno anche dall'Interpol.
Luka Rocco Magnotta, dopo aver perpetrato l'orrendo delitto, ha anche diffuso su internet un video dove si vedrebbe l'intera scena dell'omicidio, e nel contempo ha spedito in giro per il Canada pezzi di corpo della vittima d'origine cinese.
Luka Rocco Magnotta era ricercato da qualche giorno in Francia, tanto che la polizia di Parigi era ormai sulle sue tracce dopo aver ricevuto varie segnalazioni.
All'arrivo in Francia, pare che Luka Rocco Magnotta abbia trascorso alcuni giorni ospite di un uomo a Clichy-la-Garenne, come riporta "Le Parisien".
Il proprietario di un bar a Rue des Batignolles ha raccontato invece di aver visto Luka Rocco Magnotta tra mercoledì 30 e giovedì 31 maggio. Nel locale il killer avrebbe "bevuto una Coca-Cola tutto d'un fiato", come riporta il gestore del bar, spiegando che il ricercato "era molto nervoso - e rivelando - Poi gli si è avvicinato un uomo, fisicamente molto imponente, che ha iniziato a parlare con Luka Rocco Magnotta". Sembra che i due uomini siano poi usciti dal bar insieme.
Da Batignolles, Luka Rocco Magnotta si sarebbe poi spostato nel Comune di Bagnolet tra venerdì e sabato scorso, e secondo alcune fonti investigative il presunto omicida avrebbe preso una stanza nell'hotel Seine-Saint-Denis, forse sotto falso nome.
Nella camera d'albergo gli investigatori avrebbero trovato riviste pornografiche e anche oggetti della compagnia aerea con cui il sospettato sembra essere giunto dal Canada in Francia.
Luka Rocco Magnotta sembra inoltre che abbia trascorso diverse serate a Place de la Bastille, la piazza dove era situata la prigione della Bastiglia fino al 14 luglio 1789.
A partire da domenica 3 giugno, però, gli investigatori francesi hanno cominciato a dubitare che Luka Rocco Magnotta fosse ancora in Francia, anche se alcune fonti rassicuravano del fatto che ormai il killer aveva le ore contate, visto che aveva lasciato "le sue orme" in giro per tutta Parigi: il cellulare di Luka Rocco Magnotta era intercettato già da giorni, ed inoltre la polizia ha ricevuto alcune denunce di furto che ricondurrebbero sempre al presunto omicida, tra cui quella di una profumeria dove il sospettato avrebbe rubato alcuni oggetti per la cura del corpo.
Oggi infatti Luka Rocco Magnotta è stato arrestato in un internet cafè di Berlino, dalla polizia tedesca, nel quartiere popolare di Neukolln, abitato da molte comunità di immigrati, nel sud della capitale. Forse era intento a leggere qualche passaggio del suo "saggio" Come fare a scomparire e non essere mai trovati, ironizza già qualcuno.
Questa mattina il sospettato fu avvistato nella stazione internazionale di autobus a Bagnolet. Intervistati alcuni dipendenti di Eurolines, compagnia di autobus che serve centinaia di tratte dalla Francia in tutta Europa, avevano però spiegato che chiunque, all'interno della comunità europea, può registrarsi senza esibire i documenti, eccetto se si va in Inghilterra, e che quindi la ricerca di Luka Rocco Magnotta poteva essere più difficile del previsto.
Altri invece sembravano convinti del fatto che Luka Rocco Magnotta avesse preso un biglietto con destinazione Romania.
La cattura, invece, è avvenuta a Berlino, come riporta per primo il giornale tedesco Bild.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: