le notizie che fanno testo, dal 2010

Lipari: omicidio vigilia Natale, fermato uomo. Folla tenta linciaggio

Fermato un uomo, un netturbino di 36 anni, per l'omicidio di Eufemia, 60 anni, uccisa nel suo garage a Lipari la vigilia di Natale. Il presunto assassino ha rischiato il linciaggio.

L'omicidio di Eufemia, 60 anni, uccisa a Lipari la vigilia di Natale, ha sconvolto tutti gli abitanti dell'isola dell'arcipelago eoliano, anche perché bisogna ritornare agli anni '50 per ricordare un altro delitto. Forse anche per questo motivo, la notizia dell'arresto del presunto omicida, un netturbino di 36 anni, è stata accolta dai più come una vera liberazione, stato d'animo che in alcuni è andato degenerando. Mentre il netturbino veniva imbarcato dai carabinieri per Milazzo, nel porto di Sottomonastero, una folla ha infatti tentato di aggredire il presunto omicida, che ha rischiato il linciaggio. I carabinieri sembrano certi del fatto che sia stato il netturbino, pare sposato e con due figli, ad uccidere la 60enne. La donna era appena rientrata in casa dalla spesa, quando avvicinatasi al suo garage ha incontrato il suo assassino, che le ha tagliato la gola con un coltello, anche se l'anziana è morta per soffocamento. L'omicida avrebbe quindi chiuso con un lucchetto il garage e sarebbe salito in casa della donna per lavarsi le mani, lasciando su un asciugamano e nel lavabo tracce di sangue, il cui DNA ricondurrebbe al netturbino. Non è chiaro il movente dell'omicidio, forse un tentativo di rapina andato male. Sembra che il sospettato abbia alle spalle una vecchia condanna a 2 anni e 6 mesi di reclusione per estorsione nei confronti di una minorenne isolana dalla quale avrebbe preteso 450 mila lire.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# DNA# estorsione# Lipari# Milazzo# Natale# omicidio# rapina# sangue