le notizie che fanno testo, dal 2010

Lignano Sabbiadoro: ragazza cubana confessa omicidio coniugi Burgato

La giovane cubana fermata per l'omicidio dei coniugi Burgato ha confessato il delitto. Ancora poco chiaro il movente di un così brutale assasinio. Ricercato il fratello della ragazza, forse già all'estero.

Questa notte il fermo, e dopo qualche ora di interrogatorio, la poco più che ventenne sudamericana accusata dell'omicidio dei coniugi Burgato, avvenuto il 19 agosto a Lignano Sabbiadoro, ha confessato . Sarebbe stata Lisandra, forse con l'aiuto del fratello, a torturare e uccidere Rosetta Sostero e Paolo Burgato, anche se il movente di tanta brutalità non è ancora chiaro. Nell'abitazione, i coniugi Burgato tenevano nascosta una ingente somma di denaro, che però non è stata toccata dai loro assassini. Gli investigatori ipotizzano di una rapina finita male, forse perché la coppia di Lignano Sabbiadoro ha riconosciuto almeno uno dei due suoi aggressori. Forse proprio Lisandra, visto che aveva lavorato presso un esercizio commerciale situato vicino al negozio dei coniugi Burgato. Sia la giovane che il fratello sono figli di una donna cubana residente a Lignano, che ha avuto altri due figli da un nuovo compagno. Lisandra e il fratello pare che trascorressero diversi mesi a Lignano e i rimanenti a Cuba. Il giovane ricercato, ipotizzano gli investigatori, sarebbe ritornato appunto in patria dopo l'omicidio. Ad incastrare la ragazza l'esame del DNA e alcune intercettazioni telefoniche. Dopo l'interrogatorio e la confessione, la giovane è stata trasferita in carcere, e nelle prossime ore verrà interrogata ancora dal magistrato inquirente.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: