le notizie che fanno testo, dal 2010

Fotografo ucciso, testimone: c'erano 2 persone. Foro dietro orecchio

Proseguono le indagini sull'omicidio del fotografo dei vip ucciso, Daniele Lo Presti. Un testimone avrebbe visto il fotografo parlare con due persone, mentre l'autopsia rivela che l'assassino ha sparato da una media distanza.

Proseguono le indagini sull'omicidio del fotografo dei vip ucciso mercoledì pomeriggio sulla pista ciclabile sul lungotevere Testaccio . In queste ore, spunterebbe un testimone che avrebbe visto Daniele Lo Presti, il fotografo ucciso, parlare poco prima dell'omicidio con due persone non lontano dal luogo dove è stato poi ritrovato il cadavere. La testimonianza è ancora da verificare ed è al vaglio degli inquirenti. Intanto, i primi risultati dell'autopsia svelano che il fotografo Lo Presti è stato ucciso con un proiettile calibro 7,65 sparato a media distanza, quindi non a bruciapelo. Dietro l'orecchio sinistro del fotografo ucciso, infatti, è stato rinvenuto un piccolo foro d'entrata. Gli esperti balistici dovranno ora accertare da quale distanza è stato sparato il proiettile. Intanto, gli investigatori stanno cercando di trovare un possibile movente per il delitto. Si cerca a 360 gradi, da presunti debiti che avrebbe potuto aver contratto Daniele Lo Presti a vicende personali. Sembra che poco prima di andare a fare jogging sul lungotevere, dove non è mai arrivato all'appuntamento fissato con un collega, il fotografo avesse chiamato l'agenzia con cui collaborava per sollecitare dei pagamenti. Gli inquirenti non paiono trascurare nemmeno la pista legata ad un incidente avvenuto circa 6 anni fa, quando l'auto del fotografo venne incendiata sotto la sua abitazione a Porta Portese, pare a seguito di un litigio con un uomo che avrebbe all'epoca importunato l'ex compagna di Daniele Lo Presti.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: