le notizie che fanno testo, dal 2010

Casate, Milano: entra in un bar e spara a ex datore lavoro e figlio

Un uomo di 36 anni questa mattina è entrato in un bar di Casate, una frazione di Bernate Ticino, in provincia di Milano, e ha ucciso con dei colpi di pistola il suo ex datore di lavoro e il figlio. Costituitosi in caserma, l'uomo avrebbe spiegato che "non sopportava più" le due vittime.

Tragedia a Casate, una frazione di Bernate Ticino, in provincia di Milano. Un uomo di 36 anni è entrato questa mattina in un bar e ha ucciso con dei colpi di pistola Rocco Brattalotta di 47 anni e Salvatore di 22 anni, padre e figlio. Stando alle prime ricostruzioni, l'uomo sarebbe entrato intorno alle 6:25 di questa mattina nel bar Bottazzi, dove le vittime erano solite fare colazione prima di recarsi al lavoro, e avrebbe cominciato a sparare. I titolari del bar come gli altri pochi clienti sono riusciti a rifugiarsi sotto il bancone e i tavoli, ma per padre e figlio non c'è stato niente da fare. Inutili anche i soccorsi giunti immediatamente sul posto, purtroppo i due uomini sono morti sotto i colpi dell'aggressore. Il 36enne è stato fermato poco dopo mentre si recava in caserma per costituirsi. Stando alle prime ricostruzioni, l'aggressore sarebbe stato un ex operaio di Rocco Brattalotta, che stava attualmente lavorando per Expo di Milano. L'uomo avrebbe giustificato il duplice omicidio spiegando che padre e figlio lo avrebbero "trattato male" sul lavoro e che quindi "non li sopportava più".

© riproduzione riservata | online: | update: 16/05/2013

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Casate, Milano: entra in un bar e spara a ex datore lavoro e figlio
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI