le notizie che fanno testo, dal 2010

Brasile: strage in una scuola. Spara ex alunno, poi si toglie la vita

Una tragedia del genere il Brasile non l'aveva mai vissuta. Un ex alunno di 24 anni ritorna della sua vecchia scuola pubblica e con due revolver spara all'impazzata. Inseguito poi da un poliziotto si toglie la vita.

Una tragedia del genere il Brasile non l'aveva mai vissuta. Un ex alunno di 24 anni ritorna della sua vecchia scuola pubblica, la Tasso da Silveira, situata a Realengo, ed entrato in una classe dove gli alunni stavano seguendo una lezione di portoghese ha aperto il fuoco. Con due revolver, che ha ricaricato varie volte, ha sparato contro i bambini della classe, tutti tra i 12 e i 14 anni, e verso gli insegnanti, quasi tutti colpiti alla testa o al torace. Stando alle ultime agenzie, dovrebbero essere 12 le vittime, giovani studenti, e una ventina i feriti. Alla fine il ragazzo, Wellington Menezes de Oliveira, inseguito da un poliziotto si è tolto la vita. Wellington Menezes de Oliveira sembra che abbia lasciato una lettera "confusa", con alcuni riferimenti all'Islam e all'AIDS, pare scrivendo di esserne affetto. La presidente del Brasile, Dilma Rousseff, ha proclamato tre giorni di lutto e durante una cerimonia pubblica non è riuscita a trattenere le lacrime per questa strage che segnerà per molto tempo la vita del Brasile.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# AIDS# bambini# Brasile# Dilma Rousseff# giovani# Islam# scuola