le notizie che fanno testo, dal 2010

Omeopatia e italiani: c'è fiducia ma ancora poca informazione

Una ricerca sembra dimostrare come gli italiani abbiano maggiore fiducia verso l'omeopatia, anche se dai dati emerge ancora troppa poca informazione riguardo tale diverso metodo terapeutico.

Sempre più italiani sembrano affidarsi all'omeopatia, anche se un'ampia fasce ammette di avere una conoscenza abbastanza superficiale riguardo questi farmaci.
La ricerca "Gli Italiani e l'Omeopatia" è stata commissionata da Omeoimprese a DoxaPharma, e dall'indagine emerge come ben l'82% degli intervistati conosce i medicinali omeopatici, anche se solo il 16% della popolazione li ha usati nell'ultimo anno, mentre il 2,5% li usa almeno una volta la settimana.
Il sondaggio mette però anche in evidenza come in Italia sembra esserci il bisogno di una maggiore informazione riguardo i farmaci omeopatici, visto che molti degli intervistati spiega di averne sentito parlare soprattutto da amici e parenti.
La fiducia verso l'omeopatia sembra invece crescere, poiché 40% degli intervistati accetterebbe la prescrizione di un farmaco omeopatico dal proprio medico, senza porre obiezioni.
La ricerca è stata condotta intervistando 1.100, adulti, provenienti da un po' tutta l'Italia, e in base alle risposte fornite è stato possibile classificare gli italiani in 4 macro aree:
- gli Entusiasti, sono informati e si fidano dei medicinali omeopatici. Rappresentano l'8,5% degli intervistati, presenti sopratutto nel Centro Italia
- i Favorevoli ma poco informati, che si dicono interessati ma ammettono di non conoscere abbastanza l'omeopatia. Rappresentano il 26,2% del campione, soprattutto del Nord Est e del Centro Italia
- i Lontani poco informati, che non conoscono molto tali farmaci ma spiegano che li userebbero solo per curare piccole patologie. Rappresentano il 32,1% degli intervistati, e sono presenti un po' in tutta Italia
- i Lontani assoluti, che non si fidano dell'omeopatia anche se affermano di conoscere abbastanza la materia. Rappresentano il 23,6% del campione preso in esame, e vivono sprattutto nel Nord-Ovest.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: