le notizie che fanno testo, dal 2010

Obesità: italiani, rumeni e svizzeri sono i più magri d'Europa

Obeso un cittadino europeo su due, in aumento l'obesità infantile. L'Italia nella classifica del sovrappeso è orgogliosamente terzultima. Ma l'obesità infantile colpisce ormai un bambino su sette.

Ormai quando si parla di obesità si usa spesso il termine "epidemia" come se fosse un virus a provocarla, anche se qualcosa di "virale" questo problema deve pur averlo coinvolgendo, dall'ultimo rapporto "Health at a Glance Europe 2010", circa la metà della popolazione europea.
Una persona su due nella UE è obesa o in sovrappeso e si parla quindi di ben 250 milioni di persone.
Questo rapporto della Commissione Europea (http://tinyurl.com/3a3y7ro) è la cartina di tornasole delle abitudini alimentari dei paesi europei e sancisce un raddoppio degli obesi in circa vent'anni.
Ovviamente c'è anche una "classifica" dell'obesità europea dove stavolta l'Italia è fiera di occupare il terzultimo posto.
Nella "hit parade" del sovrappeso il Regno Unito svetta con oltre il 20% della popolazione obesa, seguono Irlanda, Malta e Islanda.
Italia orgogliosamente quasi "fanalino di coda" con circa un 10% di popolazione obesa mentre, praticamente a pari merito, proprio sotto di noi ci sono solamente gli svizzeri e i rumeni.
Ricordiamo che in occasione del decimo anniversario dell'Obesity Day 2010 (10 e l'11 ottobre scorso) proprio Giuseppe Fatati presidente dell'ADI (Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica) ricordava che "per la prima volta possiamo registrare un dato positivo quando andiamo a contare gli italiani sulla bilancia. In dieci anni, le donne fra i 35 e i 74 anni di età non sono cresciute di peso".
Ma i dati più preoccupanti dal rapporto europeo vengono purtroppo dal mondo dei bambini visto che è in aumento, anche tendenziale, l'"obesità infantile" che colpisce ormai un bambino su sette.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: