le notizie che fanno testo, dal 2010

USA: ok forniture nucleari a Ucraina. Russia e Svizzera temono per sicurezza

Gli Stati Uniti hanno annunciato di avere intenzione di fornire combustibile nucleare in Ucraina. Mosca si dice preoccupata a causa della potenziale minaccia per la sicurezza dei Paesi europei nel caso di disastri causati dall'uomo alle centrali nucleari dell'Ucraina. La Svizzera condivide tale timore.

Didier Burkhalter, presidente svizzero e presidente in carica dell'OSCE, condivide la preoccupazione della Russia in merito alla sicurezza nucleare dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato di avere intenzione di fornire combustibile nucleare in Ucraina. Burkhalter ha quindi inviato Mosca a rivolgersi direttamente all'AIEA (Agenzia internazionale dell'energia atomica). In una lettera diretta a Vladimir Gutenev, vice presidente della Commissione Industria della Duma russa, Burkhalter dichiara infatti di "condividere l'opinione della Russia per quanto riguarda il problema della sicurezza nucleare. - aggiungendo - La sicurezza nucleare rappresenta un problema fondamentale per la politica nucleare svizzera". Come ricorda l'agenzia Ria Novosti, Gutenev aveva infatti in precedenza inviato una lettera che avvertiva la potenziale minaccia per la sicurezza dei Paesi europei nel caso di disastri causati dall'uomo alle centrali nucleari dell'Ucraina, alla luce dell'intenzione delle attuali autorità di Kiev di firmare un accordo sulla fornitura di carburante da parte degli Stati Uniti. Ieri, il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha precisato che Mosca deve essere informata di ogni tentativo da parte dell'Ucraina di utilizzare combustibile nucleare occidentale nei reattori di fabbricazione sovietica e russa presenti nel Paese.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: