le notizie che fanno testo, dal 2010

Tokyo: misteriosa moria di tonni rossi nell'acquario. Radioattivi?

Misteriosa moria di tonni pinna blu (noti anche come tonni rossi) al Tokyo Sea Life Park a Edogawa Ward vicino alla baia della capitale del Giappone. Dei 165 tonni rossi iniziali al Tokyo Sea Life Park ne rimarrebbero appena 11, ed anche questi mostrano segni di un comportamento insolito, come nervosismo e mancanza di appetito. Ancora inote le cause della morte. E' possibile che questa moria di tonni possa essere legata al disatro di Fukushima?

Misteriosa moria di tonni pinna blu (noti anche come tonni rossi) al Tokyo Sea Life Park a Edogawa Ward vicino alla baia della capitale del Giappone. Dalla fine dello scorso anno, infatti, i pesci stanno morendo uno dopo l'altro, e i ricercatori non riescono a capirne il perché. Finora, si è scoperto solamente che i tonni malati avevano le ossa rotte, ma la causa della morte non è ancora nota. All'Agence France-Presse un portavoce per l'acquario di Tokyo ha ammesso che dal 1989, quando nelle vasche sono state introdotti i tonni rossi perché in via di estinzione da diversi anni a causa della pesca eccessiva nell'Oceano Pacifico, non si era mai vista una "simile moria di massa". Secondo il Washington Post l'acquario ha perso 68 tonni rossi in quattro mesi. Il 28 maggio il quotidiano giapponese Yomiuri Shimbun riporta inoltre che 12 dei 29 tonni introdotti nell'acquario di Tokyo la scorsa settimana sono morti. Sembra che questi ultimi tonni sono cominciati a morire il giorno dopo essere stati introdotti nelle vasche, il 22 maggio. Fatto sta che dei 165 tonni rossi iniziali al Tokyo Sea Life Park ne rimarrebbero appena 11, ed anche questi mostrano segni di un comportamento insolito, come nervosismo e mancanza di appetito. Nella vasche non sono stati trovati dei virus, ma i responsabili dell'acquario escludono che un qualche tipo di infezione possa uccidere un intero gruppo di pesci. Quando i tonni sono cominciati a morire, i responsabili dell'acquario hanno iniziato ad effettuare una serie di controlli ed interventi, come spegnere le luci delle vasche per mettere maggiormente a proprio agio i pesci, controllare i livelli di ossigeno e ricercare eventuali sostanze velenose come metalli pesanti. A quanto pare, però, non è stata riscontrata alcuna anomalia "tecnica" nelle vasche. All'AFP un portavoce dell'acquario ha quindi ammesso che questa moria misteriosa di tonni "potrebbe essere causata da nuovi fattori che non erano presenti in precedenza". E' possibile che questa moria di tonni possa essere legata al disatro di Fukushima? Dal giorno dell'incidente nucleare, infatti, più di una volta l'acqua radioattiva della centrale di Fukushima si è dispersa nell'Oceano Pacifico tanto che alcuni scienziati la vedono come causa del possibile collasso della catena alimentare. Già nel 2012 alcuni ricercatori avevano scoperto che i tonni giunti in California erano al cesio radioattivo (Cesio 134 e 137).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: