le notizie che fanno testo, dal 2010

Nucleare spot tv: Greenpeace risponde al Forum Nucleare Italiano

Il Forum Nucleare Italiano starà già discutendo come rispondere, magari mettendo sul piatto altri milioni di euro (i soldi non mancano ai big del nucleare), al controspot nucleare che Greenpeace ha realizzato: tutto con immagini vere e dati che non possono essere messi in dubbio.

La campagna pubblicitaria milionaria del Forum Nucleare Italiano che abbiamo analizzato alla vigilia della sua uscita, nell'ormai celebre articolo di Maurizio Maria Corona ("Nucleare spot in TV: le pedine sono i telespettatori ingenui" http://tinyurl.com/6hubkzq), ha finalmente un controspot "ufficiale" dopo tutte le parodie (alcune riuscite, altre meno), creato da Greenpeace. Lo spot di Greenpeace fa il verso alla voce suadente e professionale dello spot patinato del Forum Nucleare (nome estremamente furbo e "neutro", come lo spot, che cela le multinazionali dell'atomo tra i soci fondatori). Lo spot di Greenpeace (qui il link http://bit.ly/g26WID) si presenta con alcune delle verità (altre sono troppo scioccanti per uno spot che vuole inserirsi nel flusso "mainstream" come un antidoto) che i "nuclearisti" cercano di cancellare dal dibattito pubblico, minimizzandole come insegna il trend politico della Seconda Repubblica. Alla "pesantezza" ospedaliera dello spot del Forum Nucleare Italiano, Greenpeace risponde con l'ironia e la leggerezza della verità, mostrando, a differenza dei "nuclearisti" tutte immagini vere e reali. Anche questa è una differenza di stile. "Vuoi sapere la verità sul nucleare? Ti presentiamo la nostra campagna pubblicitaria per smentire le bugie del Governo, di Enel e del Forum nucleare. Informati e condividi. La tua partecipazione attiva è fondamentale per contrastare il 'bombardamento mediatico pro-atomo' finanziato con milioni di euro dall'industria nucleare" scrive Greenpeace in una nota. E allo spot del Forum Nucleare Italiano (che ora sembra ancora più tetro e inquietante) che si chiudeva con la frase "E tu sei a favore o contro l'energia nucleare. O non hai ancora una posizione" il controspot di Greenpeace risponde senza alcun dubbio: "Energia nucleare. Il problema, senza la soluzione". Greenpeace inoltre invita a diffondere il "decalogo antinucleare" (scaricabile qui http://bit.ly/f7OOEE) che tutti dovrebbero mettersi in tasca e mostrarlo a coloro che decantano le lodi del nucleare, ovvero "il metodo più costoso e mortale per far bollire l'acqua" come saggiamente osservava Ernest Kattens.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: