le notizie che fanno testo, dal 2010

Nucleare in Italia spot in TV: è ingannevole?

Nucleare pro o contro? Questa è la "partita" che il Forum Nucleare vorrebbe far giocare agli italiani, tifosi cronici, ma lo spot che promuove in TV sembra tutt'altro che "neutrale" nella comunicazione, anche nelle affermazioni.

In TV, come abbiamo già avuto modo di scrivere, sta girando un spot firmato dal Forum Nucleare Italiano, un'associazione no profit presieduta da Chicco Testa (sì, proprio lui, oggi è un sostenitore entusiasta del nucleare) che vede come soci fondatori aziende direttamente coinvolte nel business dell'energia atomica (Westinghouse, Enel, Ansaldo Nucleare, Areva, Edf, ecc.).
Abbiamo già parlato del modo in cui lo spot tenta di sedurre il telespettatore con un caravanserraglio di mezzucci visuali ("Nucleare spot in TV: le pedine sono i telespettatori ingenui" http://is.gd/jUA7i), ma ci sono anche delle affermazioni che, se non adeguatamente smentite da uno spot dello stesso tenore (di budget e diffusione), rischiano di diventare delle nuove leggende metropolitane.
Soprattutto una affermazione desta stupore per la sfacciataggine e l'AGCOM, l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, più volte incalzata dai Verdi su questo spot "nucleare", dovrebbe intervenire celermente.
Nello spot (http://www.youtube.com/watch?v=R29l7GkBl64) all'affermazione del cupo "dubbioso": "ci sono dei dubbi sulle centrali", l'altro solare "pro nucleare" risponde: "MA NON CE NE SONO SULLA SICUREZZA".
Lo spot di Forum Nucleare Italiano sostiene quindi che non ci sono dubbi sulla sicurezza delle centrali nucleari ma questa è un'affermazione che per molti suona palesemente falsa o quantomeno molto scorretta e ingannevole.
Basti leggere l'intervista di Terra a Giuseppe Miserotti, presidente dell'Ordine dei medici di Piacenza e membro dell'Isde che dice (tanto per cominciare): "Le centrali producono trizio, iodio 131 e plutonio. Che, se inalato in una sola frazione di milligrammo, è letale per una persona" ("Nucleare, più tumori e leucemie nei bambini" http://is.gd/jUWaq).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: