le notizie che fanno testo, dal 2010

Nucleare giappone: Italia avanti tutta con costruzione delle centrali

Nessuna catastrofe nucleare giapponese potrà mai fermare il sole atomico che illuminerà l'Italia. Il governo tira dritto sulla politica di costruzione di nuove centrali stigmatizzando chi "parla male" di questa meravigliosa energia. Radioattiva.

La posizione del governo italiano sul nucleare non cambia e si va avanti coerentemente nonostante la catastrofe giapponese. Gli esponenti del governo nazionale non hanno mezzi termini quando si parla di nucleare, e nessun dubbio sfiora la loro mente. Si va dal capogruppo alla Camera del Pdl Fabrizio Cicchitto che ieri ha dichiarato: "La nostra posizione rimane quella che è, non si può cambiare ogni minuto", a Stefania Prestigiacomo, ministro dell'Ambiente italiano che dice: "Trovo strumentale e macabra la polemica sul nucleare italiano". Quindi, per quello che sembra, il governo andrà avanti a tutta forza con il nucleare italiano, senz'altro più sicuro, più controllato, più tecnologicamente avanzato, e anche più bello e performante del nucleare giapponese. I maligni pensano che anche se fosse saltato in aria mezzo pianeta terra per un'esplosione di un reattore nucleare, il governo avrebbe comunque tenuto la barra dritta verso la costruzione delle centrali in Italia. Chicco Testa del Forum Nucleare Italiano, ex Legambiente e protagonista ambientalista nella chiusura delle centrali nucleari italiane dopo Chernobyl, ha affermato: "Chi trae spunto da questa tragedia per fare polemica sul nucleare è uno sciacallo". Se alcuni sono sicuramente colpiti ed estasiati dalla coerenza nella politica "energetica" del Governo, c'è chi ha trovato queste dichiarazioni un po' fuori luogo, soprattutto per il fatto che il "nucleare" stia diventando sempre più un "dogma" indiscutibile. Ci vuole infatti un certo coraggio, con l'aria che si respira nel Bel Paese, nel criticare il "nucleare", anche dopo una catastrofe come quella giapponese. Il presidente nazionale dei Verdi Angelo Bonelli, riferendosi alla dichiarazione di Fabrizio Chicchitto, non usa però mezzi termini: "La posizione del Pdl sul nucleare è la posizione di chi non ha a cuore la vita e l'Italia". Angelo Bonelli continua dicendo che le esplosioni nella centrale di Fukushima "ci riportano indietro nel tempo al disastro di Chernobyl" e sottolinea che "danni delle fughe radioattive e degli incidenti nucleari compromettono la vita per sempre in quanto i loro effetti devastanti si prolungano per migliaia di anni", dando appuntamento alle diverse manifestazioni che i Verdi promuoveranno "per fermare la follia nucleare che il governo vuole riportare in Italia".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: