le notizie che fanno testo, dal 2010

Nucleare, cartone animato giapponese per bambini: Fukushima "puzza"

Nucleare per i bambini. Non è uno spot "nuclearista" ma un piccolo cartone animato (autenticamente nipponico) per tranquillizzare la prole sul fatto che Fukushima non è Chernobyl. Ma come? Utilizzando una metafora cara ai più piccoli: la cacca.

C'è un video che sta girando per il Giappone e non è quello delle esplosioni dei reattori nucleari, e neppure un bollettino atomico dove si mette in guardia la popolazione dal pericolo della contaminazione, è invece un cartone animato. Un "cartone animato" creato da Kazuhiko Hachiya, un "media artist" che ha voluto spiegare ai bambini, in modo semplice e tranquillizzante (proprio come la tv giapponese fa con gli adulti) l'incidente nucleare che sta "maturando" a Fukushima. Un cartone animato (qui con i sottotitoli in inglese http://is.gd/otaqo5) che fa leva su una delle materie più care nei discorsi dei più piccoli: la cacca (epistula non erubescit). Questo cartone animato, che spiega ai bambini la sicurezza nucleare dei mitici reattori giapponesi e che sottolinea che Fukushima non sarà mai e poi mai come Chernobyl è talmente "mainstream" da poter essere utilizzato anche da qualche organizzazione italiana che propaganda il nucleare. Nella fattispecie Chernobyl non sarà mai come Fukushima sia per il differente "stimolo" sia per il "pannolone" giapponese che è previsto nelle centrali nipponiche a Fukushima. Fatto sta che "Nuclear Boy", questo il nome del protagonista (cioé la centrale nucleare) sarà molto efficace, soprattutto per quei bambini che in Giappone hanno ancora la corrente elettrica, i pannolini, i computer, una casa e il tempo di essere abbandonati davanti al televisore. Per tutti gli altri c'è una bella distesa radioattiva da rimirare, "un giorno tutto questo sarà tuo" si diceva in altri cartoni animati.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: