le notizie che fanno testo, dal 2010

Nucleare Giappone: acqua terra e cibo contaminati, urge evacuazione

Fukushima è unito a Chernobyl e Harrisburg (Three Mile Island) non solo per la gravità della catastrofe nucleare ma anche per l'opacità delle notizie ufficiali che, tenendo nascosta la verità, rischiano di fare più vittime di quelle che già ci sono.

Chi si ricorda Chernobyl e la copertura dei media "paleolitici" del periodo, ricorda comunque la serietà e l'attenzione verso la drammatica situazione in Unione Sovietica. Ricorda gli approfondimenti, la giusta "volgarizzazione" delle nozioni scientifiche, la perizia e la priorità nelle scalette dei telegiornali e negli interventi politici (ovviamente in senso ampio). Oggi tutto è cambiato tanto che una catastrofe nucleare pare non avere più nessuna importanza. Sembra che Fukushima sia qualcosa di "normale", a meno che non si formi un cono vulcanico radioattivo e non ne esca fuori Godzilla. Ma dopo un paio di giorni, a meno che Godzilla non canti insieme a Lady Gaga, i media perderebbero comunque di interesse per la notizia del dinosauro canterino. Il fatto più sconcertante è che milioni di persone in Giappone sono coinvolte in una contaminazione di massa che non sembra destare preoccupazioni, almeno per le notizie rassicuranti che diffonde TEPCO (la compagnia elettrica proprietaria delle centrali nucleari) e il governo giapponese. Per questo motivo Greenpeace chiede insieme a Citizens Nuclear Information Centre (CNIC) "un avanzato piano d'evacuazione e ogni misura di protezione possibile per le persone ancora all'interno della zona di esclusione di 30 chilometri, così come per le donne incinte e i bambini nelle aree contaminate anche oltre i 30 chilometri". Jan Beranek, responsabile della campagna Nucleare di Greenpeace International afferma: "Mentre la crisi continua a Fukushima, è chiaro che le autorità giapponesi non sono in grado di tutelare adeguatamente la salute pubblica. Nonostante le rassicurazioni che ci sarebbero pochi rischi per la popolazione, abbiamo visto un'evacuazione estesa e una crescente contaminazione radioattiva nella catena alimentare. Purtroppo le autorità giapponesi non stanno agendo come la situazione richiederebbe, mettendo in primo piano la tutela della salute pubblica. Adesso c'è bisogno che il governo comunichi tempestivamente alla gente le migliori misure per proteggersi dalle radiazioni e che metta in atto un piano di emergenza". Intanto a Tokyo l'acqua continua ad essere contaminata insieme al pesce, uno degli alimenti più comuni in Giappone. La gente non si fida più del governo nipponico. Grandi saranno le responsabilità storiche per la tragedia di Fukushima. Che incomincia a non fare più notizia.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: