le notizie che fanno testo, dal 2010

Nucleare Giappone: India e Russia stop al pesce "radioattivo"

Fukushima è una catastrofe nucleare immane non solo per gli uomini, ma anche per l'economia. Da India e Russia i primi stop all'importazione di cibo e pesce dal Giappone a causa della contaminazione radioattiva. Intanto anche la Corea del Sud protesta per gli sversamenti radioattivi nell'oceano.

I tecnici di Fukushima hanno tappato la falla che aveva trasformato una crepa nel cemento di 20 centimetri in una fontana radioattiva che scaricava acqua contaminata direttamente nell'oceano. Quest'acqua sembra provenisse dal raffreddamento "forzato" tentato da Tepco per raffreddare il reattore numero 2 e che avesse come media una radioattività di 1000 millisievert/ora. L'acqua che si riversava nel mare dalla crepa sembra fosse entrata in contatto direttamente con le barre di combustibile del reattore numero 2 e solamente dopo giorni in cui erano stati utilizzati i metodi più bislacchi per risolvere il problema (Fukushima: da una crepa zampilla acqua a 1.000 millisievert-ora http://is.gd/IbMDgm) il problema è stato risolto grazie ad iniezioni di "water glass", ovvero un composto di silicato di sodio. Ma sono migliaia le tonnellate che Tepco ha annunciato di sversare in mare per far posto ad altra acqua radioattiva nei "serbatoi", e si stima prudentemente che siano milioni i litri d' acqua altamente radioattiva che sono finiti, in un modo o nell'altro nell'oceano dall'11 marzo, giorno dello tsunami che ha sconvolto il Giappone. Il governo nipponico, dopo le proteste dei Paesi limitrofi, tra cui la Corea del Sud, ha fatto sapere che sta pensando di promulgare delle regole severe per il limite di radioattività sul pescato. Per un Paese la cui alimentazione è basata sul consumo ittico è un duro colpo, ma anche se, come probabilmente farà, si aumenteranno i limiti di tolleranza per il consumo di pesce "radioattivo", altri Paesi non si fidano delle "tranquillizzazioni" del governo nipponico e incominciano a bloccare le importazioni. L'India è stato il primo Paese a dare lo stop all'importazione di cibo da ogni area del Giappone (per almeno tre mesi) mentre la Russia ha sospeso l'importazione di pesce dal sol levante. Mosca infatti, dopo l'analisi dei rischi dell'incidente nucleare di Fukushima Daiichi e lo sversamento di elementi radioattivi nell'oceano, ha sospeso le importazioni di pesce e frutti di mare da oltre 242 industrie giapponesi, come ha comunicato l'agenzia di stampa RIA Novosti.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: