le notizie che fanno testo, dal 2010

Nucleare: Fukushima, il nocciolo del reattore 2 fonde. Ma poco poco

L'apocalisse nucleare giapponese è arrivata a delle fasi che l'omertà standard non arriva più a coprire con disinvoltura. Radiazioni migliaia di volte sopra il normale, fusione del nocciolo al reattore 2, ma come sempre non viene ammessa la sconfitta industriale.

Fukushima oltre che una catastrofe nucleare apocalittica sarà certamente ricordata come quella più sottovalutata (criminosamente) della Storia, almeno nelle sue fasi iniziali. Mentre i commentatori televisivi, tra cui alcuni sedicenti "scienziati" continuano a rassicurare che tutto va bene, che la fusione delle barre di combustibile nucleare non è poi così tragica, citando TEPCO, la compagnia proprietaria delle centrali in crisi, qualcuno incomincia a preoccuparsi seriamente. Il fatto che l'emergenza dei reattori per molti esperti sia stata affrontata con mezzi che fanno sorridere, rispetto a quelli utilizzati a Chernobyl nel 1986, mette un certo terrore. L'omertà comunque rimane la "procedura operativa standard" di qualsiasi incidente atomico visto che tutti gli organismi indipendenti che si occupano di ambiente e di nucleare lamentano l'assenza di dati, non solo "trasparenti", da parte delle autorità giapponesi. Ma alcune notizie non possono essere più nascoste. Ad esempio che il nocciolo del reattore numero 2 è in fusione, come hanno rivelato fonti del governo giapponese, anche se "parzialmente". Il fatto che, dalle radiazioni alle fusioni, si continui a minimizzare la situazione ricorda un po' la vecchia barzelletta del coccodrillo che volava, ma "basso basso". Intanto il livello delle radiazioni, oltre centomila volte sopra il normale (inizialmente TEPCO aveva dichiarato che erano dieci milioni di volte superiori) intorno al reattore 2, fa pensare che l'apocalisse nucleare giapponese sarà molto peggiore di quella di Chernobyl, visto che, fatti due conti, i reattori in crisi sono più di uno.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: