le notizie che fanno testo, dal 2010

Catene da neve o pneumatici invernali? Governo chiarisce: è uguale

Pneumatici invernali al posto della catene da neve? Un emendamento contenuto nel DL Sviluppo ha fatto sorgere il dubbio a tutti, dai senatori del PD alle associazioni dei consumatori. Ma il Ministero dei Trasporti chiarisce con una nota: "l'emendamento non dispone assolutamente alcun obbligo di utilizzo di pneumatici da neve per la circolazione".

Una delle tante notizie provenienti dal nuovo Decreto Sviluppo, che arriverà "blindato" alla votazione finale alla Camera, data anche la crisi di governo ormai innescata, cominciava a preocupare le famiglie italiane. Il nuovo dubbio, economicamente rilevante, era: le catene da neve saranno "proibite" in favore del pneumatici invernali? . Il dubbio non era venuto solo a chi di solito "pensa male" (ai giornalisti) o a chi "non riesce a leggere correttamente un provvedimento" (gli analfabeti funzionali), ma anche agli stessi senatori. Non a caso venerdì 7 dicembre il vicepresidente dei senatori del Pd Luigi Zanda dichiarava: "Il Dl sviluppo, che la Camera dovrà approvare senza modifiche, contiene in realtà una norma assurda che va assolutamente corretta. Si tratta della misura che obbliga gli automobilisti ad usare pneumatici invernali, invece delle catene, ogni qual volta sono previste nevicate. Questo significa che, in un momento di gravissima difficoltà economica delle famiglie italiane, milioni di automobilisti saranno obbligati a spendere, a seconda del tipo di automobile, dai 500 agli oltre 1.500 euro per buttare le catene da neve (oggi obbligatorie) e attrezzare la loro vettura per adeguarsi alla nuova legge". Il senatore Zanda poi aggiungeva: "Capisco gli interessi dei costruttori dei pneumatici invernali ma, francamente, non mi sembra una ragione sufficiente per mettere in ulteriore gravissima difficoltà i bilanci delle famiglie e dei lavoratori". Critiche simili erano arrivate anche dalle associazioni degli automobilisti come da quelle dei consumatori che minacciavano di impugnare il provvedimento. Ma sempre venerdì, in una nota ufficiale, il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Guido Improta "chiarisce la natura dell'emendamento al Dl Sviluppo introdotto dalla maggioranza al Senato". Ecco il chiarimento del sottosegretario: "L'emendamento parlamentare approvato al Dl Sviluppo relativo alla circolazione di automezzi in caso di rilevanti eventi nevosi non dispone assolutamente alcun obbligo di utilizzo di pneumatici da neve per la circolazione, come invece riportato oggi da alcuni organi di stampa. L'utilizzo di catene da neve e di pneumatici da neve resta equiparato". Segue poi una spiegazione più dettagliata dell'interpretazione del provvedimento: "La norma invece - prosegue Improta - apporta significative novità sul fronte della sicurezza della circolazione, chiarendo che, in condizioni eccezionali, puntualmente individuate, l'ente proprietario di una strada (ad esempio Regione, Provincia, Anas) o il concessionario autostradale possano prescrivere l'utilizzo delle catene oppure, nel caso queste non siano utilizzabili, degli pneumatici. Qualora questa prescrizione non avvenga, la responsabilità di eventuali danni e disagi sarà addebitata all'ente inadempiente. In questo modo si compie un significativo passo in avanti sul fronte della sicurezza e della mobilità e si creano le condizioni per evitare il ripetersi di episodi spiacevoli come il blocco dell'autostrada A1 di due anni fa, quando migliaia di auto rimasero incolonnate per colpa della neve e non fu possibile addebitare a nessuno la responsabilità dell'accaduto". Gli automobilisti naturalmente si augurano che l'interpretazione della norma da parte del Ministero dei Trasporti non solo sia quella "giusta", ma anche quella "definitiva".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: