le notizie che fanno testo, dal 2010

Natalità Italia: da inizio crisi -100mila bimbi. Crollo per coppie italiane

Dall'inizio della crisi economica, nel 2008, in Italia c'è stato un drammatico crollo della natalità. In 8 anni, infatti, ci sono state ben 100mila nascite in meno. Il calo è attribuibile principalmente alle nascite da coppie di genitori entrambi italiani. Ma la politica pensa solo alle pensioni.

Dal 2008, dall'inizio cioè della crisi economica, in Italia ci sono state ben 100mila nascite in meno. E' l'allarmante dato diffuso dall'Istat nel rapporto appena pubblicato "Natalità e fecondità della popolazione residente", nel quale si sottolinea che prosegue drammaticamente il crollo della natalità in Italia visto che nel 2016 sono stati iscritti all'anagrafe 473.438 bambini, oltre 12mila in meno rispetto al 2015 (anno in cui c'erano già state 17mila nascite in meno rispetto al 2014).
Già nel periodo gennaio-giugno 2017, si registra inoltre una diminuizione dei nati pari a 1.500 unità rispetto allo stesso periodo del 2016.

L'istituto di statistica conferma inoltre che il calo è attribuibile principalmente alle nascite da coppie di genitori entrambi italiani, il che non stupisce considerando che 1 giovane su 10 vive in povertà assoluta, come ha denunciato pochi giorni fa la Caritas confermando il dramma generazionale dei cosiddetti Millennials. I nati da coppie di genitori entrambi italiani scendono infatti a 373.075 nel 2016, quindi oltre 107mila in meno negli ultimi 8 anni.
La fase di calo della natalità avviatasi con la crisi economica è caratterizzata da una diminuzione soprattutto dei primi figli, passati da 283.922mila del 2008 a 227.412 del 2016 (-20% i primi figli e -16% i figli di ordine successivo).

Per la prima volta, però, nel 2016 calano anche i nati da genitori entrambi stranieri, che scendono sotto i 70mila. Ugualmente, si registra un trend negativo per le coppie con un solo genitore straniero, con un meno 7% delle nascite dal 2012. Di pari passo diminuiscono i matrimoni, che hanno toccato il minimo nel 2014, anno in cui sono state celebrate appena 189.765 nozze (57mila in meno rispetto al 2008). Per fortuna, nel 2016 si è nuovamente raggiunta la soglia delle 200mila celebrazioni.
In un contesto di nascite decrescenti, quelle che avvengono fuori del matrimonio sono però in aumento: 141.757 i nati da genitori non coniugati nel 2016, oltre 2.000 in più rispetto al 2015. Il loro peso relativo è più che triplicato rispetto al 1995 e raggiunge il 29,9% nel 2016.

Nel 2016 si conferma infine la tendenza alla diminuzione della fecondità in atto dal 2010. Il numero medio di figli per donna scende a 1,34 (1,46 nel 2010). Le donne italiane hanno in media 1,26 figli (1,34 nel 2010), le cittadine straniere residenti 1,97 (2,43 nel 2010).
Nonostante questo la politica pensa principalmente ai pensionati, essendo la fascia elettorale più numerosa.

© riproduzione riservata | online: | update: 28/11/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Natalità Italia: da inizio crisi -100mila bimbi. Crollo per coppie italiane
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI