le notizie che fanno testo, dal 2010

Alex Britti: nel nuovo singolo si chiede "Perché" le donne non denunciano le violenze

Uscito "Perché?", il nuovo singolo di Alex Britti che anticipa il nuovo album che sarà presente in tutti i negozi dal 20 novembre. Nel brano, Alex Britti cavalcando l'onda mediatica chiede chiede appunto perché molte donne non denunciano la violenza subita.

In radio e in tutte le piattaforme digitali dal 30 ottobre "Perché?", il nuovo singolo di Alex Britti che anticipa l'uscita del nuovo album presente in tutti i negozi dal 20 novembre. Nel brano, Alex Britti cavalcando l'onda mediatica chiede chiede appunto perché molte donne non denunciano la violenza subita. "E' un tema scottante, ho scelto il blues senza camuffarlo troppo, ho aggiunto anzi un coro dai riflessi gospel e poi spesso il blues è stata musica di denuncia, di protesta" spiega Alex Britti che nel nuovo singolo sotituisce la chitarra acustica con quella elettrica.
Alex Britti rivela che il desiderio di ricercare nella musica la risposta al perché le donne spesso non denunciano le violenze subite nasce da un'esperienza personale. In una nota viene infatti spiegato che un giorno Alex Britti si è "trovato ad assistere in un parco pubblico alla terribile scena di un uomo che prendeva a pugni una donna. E' intervenuto prontamente in difesa della donna ed è così riuscito a sedare la violenza e portare il primo soccorso alla vittima. L'uomo si è poi scoperto essere il marito della donna". Nel raccontare l'accaduto il cantante svela che la cosa che più lo aveva colpito "era il terrore negli occhi della donna all'idea di denunciare il marito ed al rifiuto di farsi accompagnare in ospedale per ricevere le cure necessarie. Era chiara ed evidente la consapevolezza da parte della donna di dover tornare nonostante tutto a casa, dove probabilmente avrebbe trovato dei figli da accudire e lo stesso carnefice a cui sottostare ancora".
Una parte dei proventi del singolo "perché?" di Alex Britti sarà destinata a WeWorld, una Ong che lavora da oltre 15 anni per difendere i diritti di donne e bambini in Italia e nel mondo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: