le notizie che fanno testo, dal 2010

Museo via Tasso rischia chiusura: Alemanno cerca 50mila euro

Antonio Parisella, direttore del museo della Liberazione di via Tasso (Roma), denuncia che ex carcere delle SS, luogo storico della memoria, rischia di chiudere il 2 gennaio 2011 o di essere commissariato. Sembra che non si riesca a trovare 50mila euro.

Solo ieri Claudio Abbado, dalla trasmissione "Vieni via con me" condotta da Fabio Fazio e Robero Saviano, ha ricordato che anche e soprattutto nei momenti di crisi uno Stato dovrebbe investire sulla cultura perché "arricchisce sempre, permette di superare tutti i limiti ed è lo strumento per giudicare chi ci governa". Un appello che arriva lo stesso giorno in cui Antonio Parisella, direttore del museo della Liberazione di via Tasso (Roma), denuncia che l'ex carcere delle SS, luogo storico della memoria, rischia di chiudere il 2 gennaio 2011 o di essere commissariato. Le prenotazioni per le visite sono raddoppiate, e ci sono in ballo anche diversi progetti, dal cinema ma anche con il CNR, però nel 2010 lo Stato ha elargito solo un terzo del "contributo annuale di 50mila euro previsto dalla legge per il funzionamento del Museo", rende noto Parisella che spiega che non è "in grado di confermare né se potranno accreditare il resto della cifra entro l'anno né su quale entrata certa il Museo potrà contare per il 2011". In quelle stanze di via Tasso sono stati torturati ed uccisi dalle SS naziste ebrei e partigiani e "privare dei fondi quel luogo della memoria, mettendolo nelle condizioni di chiudere non sarebbe un buon esempio per i giovani - afferma Riccardo Pacifici, presidente della Comunità Ebraica romana - Ma soprattutto sarebbe una bella soddisfazione per il signor Erich Priebke, che nessuno di noi vuole dare". Pacifici ricorda infatti che "uno dei carnefici di via Tasso, Erich Priebke, è ancora in vita ed è agli arresti domiciliari nel nostro Paese". Il sindaco di Roma Gianni Alemanno, comunque, dopo l'appello del direttore del museo di via Tasso ha autorizzato l'erogazione di un contributo urgente di 12mila, sostenendo che "la memoria storica degli eventi tragici e luttuosi che hanno colpito la nostra città deve essere un patrimonio da preservare ad ogni costo".
Alemanno annuncia che chiederà "ai deputati del PdL di Roma di presentare un emendamento in sede di Milleproroghe per reperire i finanziamenti necessari".
Enzo Foschi, consigliere regionale del PD sottolinea che "all'indomani della fine dei festeggiamenti per l'Unità d'Italia, apprendere che il museo di via Tasso è destinato a chiudere vista la decisione del governo di non rifinanziare la struttura, è davvero triste", sostenuto anche da Esterino Montino, capogruppo PD alla Regione Lazio, che ricorda che: "Non si costruisce alcun futuro cancellando la nostra storia".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: