le notizie che fanno testo, dal 2010

Mozzarelle blu: colpa di un batterio

I NAS hanno sequestrato 70mila mozzarelle che appena aperte diventavano blu. I test scoprono che si tratta di un batterio e la Coldiretti denuncia le sempre maggiori sofisticazioni alimentari.

Sono state sequestrate dai carabinieri del NAS 70mila confezioni delle cosiddette "mozzarelle dei puffi", quelle che appena aperte diventavano blu come l'inchiostro. E il pm Raffaele Guariniello, della procura torinese, ha immeditamente aperto un'inchiesta per capire cosa sia successo a queste mozzarelle che erano prodotte in Germania ma destinate ad una nota catena di supermercati discount. Intanto arrivano i test effettuati sulla mozzarella incriminata. A farla diventare blu sembrerebbe un batterio, ed ora si cerca di capire come sia finito nel formaggio. Quello che è certo finora è che queste mozzarelle non si trovano più in commercio ma la Coldiretti denuncia che non è solo lo strano colore a rendere immangiabile una mozzarella. O comunque a non poterla chiamare tale visto che "la metà delle mozzarelle in vendita in Italia sono fatte con latte straniero o addirittura con cagliate industriali (semilavorati) provenienti dall'estero". Anche Paolo Russo, presidente della commissione agricoltura alla Camera, fa sentire la sua voce affermando che l'agricoltura italiana è in crisi "tra mozzarelle blu, latte alla melamina, pomodori taroccati provenienti dall'est asiatico ed oli di importazione spacciati per nazionali".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: