le notizie che fanno testo, dal 2010

A Roma l'insegna di Auschwitz. Provocazione per i morti sul lavoro?

All'ingresso del capo del Pigneto, quartiere popolare di Roma, il 25 aprile è stata affissa una insegna simile a quella che si trova ad Auschwitz, solo in inglese: "Il lavoro rende liberi". Sembra però solo una forte provocazione per denunciare le innumerevoli morti sul lavoro.

Chi entrava nel lager nazista di Auschwitz doveva varcare un cancello su cui troneggiava, sprezzante e senza vergona, la scritta in tedesco: "Arbeit macht frei - Il lavoro rende liberi". Oggi la stessa frase è apparsa all'ingresso del ponticello pedonale che collega la Circonvallazione Casilina al quartiere Pigneto. L'insegna era molto simile a quella terribile del campo di concentramento, compresa la grafica e con le lettere alte una trentina di centimetri. L'unica differenza era che la scritta era in inglese, cioè "Work will make you free". L'insegna è stata immediatamente rimossa dagli uomini della Digos, anche se poco dopo al suo posto è apparso uno striscione con la scritta "Basta morire uccisi dal lavoro e dall'indifferenza - Comitato no morti lavoro" con quattro stelle a cinque punte, come riporta La Repubblica. Tale iniziativa sembra quindi essere più una provocazione che un intento razzista, anche perché il quartiere Pigneto è storicamente una roccaforte della sinistra. Il sindaco di Roma Gianni Alemanno giudica tale scritta "un'infamia e una vergogna" affermando come sia "gravissimo che ci siano persone che si sono messe a fare una scritta antisemita in ferro battuto e a inchiodarla contro un muro. Mi auguro che gli inquirenti trovino subito i responsabili", e appena saputa la notizia ha immediatamente dato il madato per rimuoverla. Molti cittadini della Capitale hanno apprezzato le parole di rigore del sindaco Alemanno, auspicando quindi lo stesso tipo di severità nel far rimuovere e nel far ricoprire le innumerevoli scritte e i tanti manifesti di stampo fascista che tappezzano i muri di Roma Capitale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: