le notizie che fanno testo, dal 2010

Ivrea: 16enne a scuola con pistola per difendere l'onore dell'amica

Nonostante il dibattito sull'accesso facile alle armi sia tipicamente americano, forse una riflessione si dovrebbe aprire anche in Italia. Ad Ivrea un ragazzino di 16 anni è andato a scuola con una pistola calibro 38, per difendere l'onore dell'amica del cuore lasciata dal ragazzo.

Nonostante il dibattito sull'accesso facile alle armi sia tipicamente americano, forse una riflessione si dovrebbe aprire anche in Italia. Sono sempre di più i casi di cronaca in cui protagonista diventa un'arma, troppo spesso impugnata anche da giovanissimi. Pochi giorni fa la notizia che un ragazzo di appena 18 anni ha sparato con una pistola dalla matricola abrasa ai genitori della fidanzatina, uccidendo la madre e ferendo gravemente il padre. Ieri invece ad Ivrea un ragazzino di 16 anni è andato a scuola con una pistola calibro 38. Stando alle prime informazioni, il 16enne voleva "minacciare" un ragazzo, reo di aver lasciato la sua migliore amica. Sembra che il ragazzino non avesse intenzione di sparare ma solo di "avvertire" l'altro giovane, facendogli vedere l'arma infilata nei pataloni poco prima di entrare a scuola. Un gesto che ha comunque preoccupato i compagni di classe che hanno allertato la polizia. Il 16enne è stato denunciato alla procura dei minori per porto abusivo d'armi. La pistola sarebbe del padre, regolarmente denunciata, ma a quanto pare non attentamente sorvegliata.

© riproduzione riservata | online: | update: 11/11/2015

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

argomenti correlati:
armi genitori Italia Ivrea minori scuola
social foto
Ivrea: 16enne a scuola con pistola per difendere l'onore dell'amica
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI