le notizie che fanno testo, dal 2010

Cile: trivella in azione per salvare i 33 minatori

Iniziano i lavori per scavare un pozzo nella miniera San Josè di Copiapó, nel deserto di Atacama, in Cile per salvare i 33 minatori sepolti vivi. Ci vorranno tre quattro mesi. Il Papa ha offerto le sue preghiere.

Finalmente è attiva la trivella gigante che scaverà un tunnel verticale per raggiungere il più presto possibile i 33 minatori rimasti intrappolati nella miniera San Josè di Copiapó, nel deserto di Atacama, in Cile.
I minatori sono bloccati per una frana a 700 metri di profondità dal 5 agosto scorso e vengono mantenuti in vita tramite una "paloma", una stretta sonda che penetra attraverso un foro sino a loro e che porta provviste, acqua e tutto ciò che è necessario per la comunicazione.
Escluso il "piano b" ovvero quello di "allargare" il foro in cui passa la "paloma" che avrebbe forse permesso il salvataggio dei minatori in due mesi, si è scelto di utilizzare la più lenta, ma più sicura, trivella che viene dall'Australia e che in tre-quattro mesi riporterà alla luce i minatori. Anche il Papa ha pregato per loro ieri all'Angelus invocando l'intercessione di San Lorenzo e assicurando la sua vicinanza e le sue preghiere per la loro serenità e perché ci sia una felice conclusione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# acqua# Angelus# Australia# Cile# Papa# San Lorenzo# sonda