le notizie che fanno testo, dal 2010

Strage nel Canale di Sicilia: le differenze tra Triton e Mare Nostrum

Dopo la strage nel Canale di Sicilia, che potrebbe aver causato la morte di oltre 700 migranti, si riaccendono le polemiche sull'operazione Triton, che è soprattutto un controllo delle frontiere e si svolge vicino alle coste italiane. Per questo motivo, Jan Egeland, segretario generale del Refugee Council norvegese, chiede che si possa riattivare l'operazione Mare Nostrum ma questa volta come "sforzo collettivo europeo".

Dopo il capovolgimento di un barcone nel Canale di Sicilia, che si teme possa aver provocato la morte di oltre 700 migranti, Matteo Salvini, leader della Lega Nord, chiede un "blocco navale internazionale subito" davanti alle coste della Libia, in grado di "identificare chi è immigrato clandestino e chi è rifugiato". Se i numeri della strage fossero confermati, dall'inizio del 2015, infatti, sarebbero 1.500 i migranti che hanno perso la vita in mare nel tentativo di raggiungere le coste italiane. Jan Egeland, segretario generale del Refugee Council norvegese, intervistato dal Guardian, ammette: "E' tempo di riattivare la capacità di ricerca e di salvataggio dell'operazione Mare Nostrum, questa volta però come sforzo collettivo europeo". L'operazione italiana Mare Nostrum utilizzava navi da guerra per intercettare le barche dei trafficanti e trasferirle nei porti dell'Italia meridionale. Mare Nostrum, operazione tre volte più costosa di rispetto a quelle normali di salvataggio, è stata sospesa lo scorso anno e sostituita con l'europea Triton. Izabella Cooper, portavoce di Frontex, spiega però: "Mare Nostrum e Triton sono due diverse operazioni: la prima è stato portata avanti dalla marina italiana e si stava svolgendo nei pressi della Libia. L'operazione Triton è gestita invece da Frontex, il cui mandato si concentra soprattutto sul controllo delle frontiere. Per questo motivo, Triton si svolge più vicino alle coste italiane". Questo, però, ha causato in un anno l'aumento di ben 9 volte i numero dei migranti morti in mare se si raffrontano i dati dei primi quattro mesi del 2014 e del 2015, come rivela l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: