le notizie che fanno testo, dal 2010

Malmstrom: al vaglio un piano UE contro il traffico di migranti

Il Commissario europeo per gli Affari interni Cecilia Malmström, dopo l'ennesima strage di migranti in mare alle porte dell'Italia, annuncia che si sta delineando "un piano UE contro il traffico di migranti, che coinvolgerà tutti i soggetti interessati, in particolare Europol e Frontex, e si concentrerà su azioni prioritarie in collaborazione con i principali Paesi terzi".

Dopo l'ennesima strage di migranti, il Commissario europeo per gli Affari interni Cecilia Malmström "esprime vicinanza alle famiglie delle vittime e chiede una azione più incisiva da parte dell'UE". Malmström ringrazia quindi "le autorità italiane per i loro impressionanti sforzi che hanno portato al salvataggio di circa 5000 persone nell'ultimo fine settimana". Il Commissario europeo sottolinea quindi come "questo nuovo numero di morti illustri chiaramente che i trafficanti e i criminali non hanno alcun rispetto per la vita umana", anche perché altrimenti non sarebbero tali, aggiungendo che l'UE deve "aumentare urgentemente gli sforzi per combattere le loro attività mortali". Malmström precisa che "la Commissione collabora strettamente con la Presidenza italiana al riguardo" ed annuncia che sta delineando "un piano UE contro il traffico di migranti, che coinvolgerà tutti i soggetti interessati, in particolare Europol e Frontex, e si concentrerà su azioni prioritarie in collaborazione con i principali Paesi terzi". "L'obiettivo - prosegue Malmström - è quello di combattere le reti criminali direttamente dove hanno le loro basi operative". Il Commissario europeo conferma infine che "è pronta ad aiutare l'Italia nei suoi sforzi per gestire la crescente pressione migratoria e di asilo", come già reso noto la scorsa settimana durante un incontro bilaterale con il ministro dell'Interno Angelino Alfano. Malmström rammenta quindi che "attualmente la Commissione ha già reso disponibili all'Italia 4 milioni di euro da spendere nell'ambito della assistenza di emergenza", promettendo che le autorità europee stanno "cercando modi per contribuire ancora di più" ma sempre "nell'ambito delle risorse disponibili, al finanziamento degli sforzi italiani per ospitare i migranti e i rifugiati sul territorio". Nessun accenno, quindi, alla possibilità che i migranti, una volta giunti in Italia, possano essere ospitati anche dagli altri Paesi dell'Unione europea.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: