le notizie che fanno testo, dal 2010

Immigrazione: Consiglio UE aumenta fondi per gestire flussi nel Mediterraneo

Il 19 giugno 2015 il Consiglio ha convenuto di aumentare il bilancio dell'UE per il 2015 al fine di rispondere alle pressioni migratorie nel Mediterraneo.

"Il 19 giugno 2015 il Consiglio ha convenuto di aumentare il bilancio dell'UE per il 2015 al fine di rispondere alle pressioni migratorie nel Mediterraneo" rende noto attraverso un comunicato, spiegando: "Il Consiglio ha trattato il progetto di bilancio rettificativo n. 5 come una questione urgente e di alta priorità politica, sostenendo in tal modo la proposta della Commissione di prevedere risorse supplementari per gestire i flussi di migranti e rifugiati pari a un importo di 89 milioni di euro in impegni e di 76,6 milioni di euro in pagamenti nell'ambito di una procedura accelerata. Dato che una parte di tale sostegno può essere finanziata tramite fondi inutilizzati di altri settori, l'onere finanziario aggiuntivo è limitato a 75,8 milioni di euro in impegni, mentre non sono necessari nuovi pagamenti. Le risorse supplementari sono destinate a rafforzare in particolare Frontex, il Fondo Asilo, migrazione e integrazione e il Fondo Sicurezza interna". Si precisa in aggiunta: "Il Consiglio ha inoltre approvato i seguenti progetti di bilanci rettificativi per il 2015:
- il progetto di bilancio rettificativo n. 4 che aumenta il bilancio dell'UE per il 2015 di 66,5 milioni di euro in impegni e pagamenti destinati al Fondo di solidarietà dell'UE per alleviare i danni causati dalle inondazioni in Italia (56 milioni di euro), Romania (8,5 milioni di euro) e Bulgaria (1,98 milioni di euro)
- il progetto di bilancio rettificativo n. 3 che intende incorporare l'eccedenza di bilancio dell'esercizio 2014 nella parte relativa alle entrate del bilancio dell'UE per il 2015. Il bilancio dell'UE per il 2014 si è chiuso con un'eccedenza pari a 1,43 miliardi di euro". A questo punto "il Parlamento europeo dovrebbe votare sui tre progetti di bilanci rettificativi nel corso della sessione plenaria che avrà inizio il 6 luglio 2015. Se il Parlamento approverà la posizione del Consiglio, i progetti di bilanci rettificativi saranno adottati. Se il Parlamento adotterà emendamenti, inizierà un periodo di conciliazione di tre settimane".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: